scarpe calcio

I tifosi più fedeli d’Europa sono praticamente divisi in due campionati: Premier League e Bundesliga, e ad essere ancora più precisi, i più assidui alle gare casalinghe delle proprie squadre sono gli inglesi, con ben sette stadi in questa speciale classifica. Non compare alcun italiano nonostante stia crescendo il trend degli stadi di proprietà, fattore che potrebbe aiutare le società a riempirli in futuro.
Trend che sembra quasi necessario a far sì che aumenti l’affluenza media, dato che la quasi totalità degli stadi di questa classifica sono di proprietà delle società.

10. bet365 Stadium

Stadio di proprietà dello Stoke City, originariamente Brittania Stadium, finito di costrutire nel 1997, venne chiamato così per la sponsorship con la società Britannia Buidling Society, la quale contribuì finanziariamente alla costruzione. Nel 2006 è diventato di proprietà totale del club e da giugno 2016 ha raggiunto un accordo con la società di gambling Bet365.

Con 27.932 posti a sedere, nella stagione 2016/2017 ha avuto 27.400 spettatori in media per ogni match casalingo.

9. Selhurst Park

Uno degli stadi più longevi della classifica, costruito nel 1922 su progetto dell’architetto Archibald Leitch per conto della London, Brighton and South Coast Railway Company. Attualmente di proprietà del Crystal Palace, che lo acquistò nel 2006 per poi riformarlo nel 2013.  Con 25.456 posti a sedere ha una media di 25.080 spettatori, pari al 98,52%

8. Goodison Park

Goodison Park, stadio di cui l’Everton FC è un semplice utilizzatore. Fu aperto nell’agosto del 1892, ma prima di allora gli evertonians hanno giocato su una campo denominato Stanley Parke dal 1884 fino alla sua apertura anche ad Anfield. Conta 39.571 posti con una media di 39.32 spettatori per partita. Ottimi dati per un club che sta pensando di costruire uno stadio di proprietà.

7. Rhein Energie Stadion

Proprietà del Colonia, ha 50.000 sediolini e nei match casalinghi ne occupa mediamente 49.983. Si chiama così per la società elettrica locale, aperto nel 1923 è stato rinnovato nel 1972 e nel 2004, stesso anno in cui riceve la medaglia di bronzo come miglior impianto sportivo e ricreativo dal Comito Olimpico Internazionale.

6. King Power Stadium

Tutto il mondo filopallonaro conosce ormai questo stadio. Uno dei più giovani in classifica, di proprietà del Leicester City FC è stato aperto nel 2002 e, ovviamente, la sua presenza qui è dovuta dall’entusiasmo dello scorso campionato, oltre al fatto di ospitare squadre di caratura internazionale grazie alla Champions League. Con 32.732 posti a sedere le foxes ne occupano 31.948 ogni partita.

5. Old Trafford

Non crediamo abbia bisogno di presentazioni. Da sempre la casa dei Red Devils, è stato aperto nel 1910 e partorito dallo stesso architetto di Selhurst Park. Con 75.643 sedute, ne occupa mediamente 75.643.

4. Emirates Stadium

Home of the Gunners. Lo stadio più giovane della classifica, è stato aperto nel 2006 e ha una affluenza media del 99,55%: occupati 59.998 su 60.260 posti.

3. Stamford Bridge

Lo stadio, situato nella zona londinese di Fulham ma di proprietà del Chelsea FC, è il più vecchio della classifica. Aprì i suoi cancelli nel lontano 1876, è di proprietà del Chelsea FC e conta 41.631 posti a sedere. Mediamente, ogni partita, i blues ne occupano 41.528.

2. Mage Solar Stadion / Schwarzwald-Stadion

Altro stadio di cui la società che vi gioca è un semplice utilizzatore: il Friburgo. La società tedesca riesce ad ogni match in casa ad avere liberi solo 58 posti su 24.000!

Affluenza media del 98,76%

1. Allianz Arena

Dal 2002 è la nuova casa del Bayern Monaco, ha 75.000 poltrone che vengono occupate al 100% in ogni partita casalinga. Chapeau!

Fonti: Uefa.com, Wikipedia.

Fonte foto: Wikipedia

Ti potrebbe interessare

Il Real Madrid paga il biglietto per la semifinale di ritorno

SERIE A | Giornata 33: tutto deciso tranne il secondo posto

CALCIO ESTERO | Minuto di silenzio, ma lui è in campo!

Matrimonio in UFC: Ronda Rousey e Travis Brown si sposano!

CHAMPIONS LEAGUE | L’attaccante più temuto d’Europa

FIFA | Mondiale a 48 squadre: la qualità sarà più bassa?