Jonah Lomu

Morto il campione degli All Blacks

Stroncato a soli 40 anni: nel 2002 aveva lasciato il professionismo e nel 2004 si era fatto trapiantare i reni. Soffriva di Sindrome nefrosica e a rendere pubblica la notizia è stato il medico della nazionale neozelandese John Mayhew.

Le cifre:196 cm per 119 kg,  10”8 sui 100m,  37 mete in 63 test match con la Nazionale in otto stagioni (il primo a soli 19 anni, nel 1994, contro la Francia). Cinque, di quelle 37, contro l’Italia.

L’esordio avvenne a Christchurch il 26 giugno e i Bleus si imposero per 22-8; fu in campo anche nel successivo incontro della serie, quando i francesi vinsero 23-20 ad Auckland grazie a una meta allo scadere; il C.T. Laurie Mains lo incluse nella rosa che l’anno successivo prese parte alla Coppa del Mondo di rugby 1995 in Sudafrica, che segnava il rientro nelle grandi competizioni internazionali degli Springboks  dopo la fine dell’apartheid.

In semifinale l’allora 20enne Lomu giocò una partita del genere contro l’Inghilterra:

 

Carriera
Attività giovanile
1989-1994Counties Manuaku
Attività provinciale
1994-1999Counties Manuaku28 (95)
2000-2003Wellington21 (65)
2006North Harbour3 (0)
Attività di club¹
1996-1999Auckland Blues22 (65)
1999Chiefs8 (10)
2000-2003Hurricanes29 (55)
2005-2006Cardiff Blues6 (5)
2009-2010Marsiglia7 (0)
Attività da giocatore internazionale
1994-2002Nuova Zelanda Nuova Zelanda63 (185)
Palmarès internazionale
FinalistaRugbyWorldCup.svg Coppa del Mondo 1995

 

Siona Tali “Jonah” Lomu (Auckland, 12 maggio 1975 – Auckland, 18 novembre 2015)

RIP

Guardando indietro, tutta la mia vita sembra così surreale. Non mi sono limitato a oltrepassare i pali giocando a rugby; Ho dovuto passare attraverso un sacco di cose per arrivarci.

Fonti: Wikipedia, BrainyQuote

Ti potrebbe interessare

Turno infrasettimanale di Serie A: mercoledì ricco di big match

Mourinho, chi è il miglior giocatore che abbia allenato?

Barcellona-Juventus: troppo Messi per Dybala e Co.

Champions League: al Camp Nou sfida tra stelle

Settore Giovanile e Scolastico: i numeri del ReportCalcio 2017

In Germania i tifosi non sembrano essere contenti