marcelo vieira

La spettacolare stagione di Marcelo Vieira, terzino sinistro dalle spiccate doti offensive, al Real Madrid potrebbe concludersi con un’altra Champions in bacheca.

Ai quarti di finale, contro il Bayern Munich, ha dato saggio delle sue qualità innescando Cristiano Ronaldo, che ha poi fatto esplodere le bombe. Il sito di risultati in tempo reale, diretta.it, nel commento della partita, definisce un “cioccolatino” la palla data a CR7 per il terzo gol.

 

Marcelo Vieira da Silva Jùnior

Classe ’88 nato a Rio de Janeiro, città in cui è cresicuto anche calcisticamente. Ha avuto un’infanzia caratterizzata dalla povertà e a un certo punto, anche a causa di una poco felice situazione familiare che gli impediva di allenarsi con serenità, il giovane ha pensato di smettere di giocare a calcio; poi il Fluminense lo ha convinto a continuare.

Cresce tra le fila delle giovanili della squadra brasiliana, nel 2005 arriva la prima squadra, nel 2007 il Real Madrid.

La settimana scorsa, intervistato da Globoesporte, redazione sportiva del quotidiano brasiliano Globo, il sosia del comico Ficarra ha risposto che gli piacerebbe tornare in Brasile. Dal 2007 in forze al Real Madrid, arrivò per sostiuire il suo idolo Roberto Carlos, all’ultima stagione coi galacticos.

Nell’intervista al quotidiano brasiliano si è aperto e ha dichiarato la volontà di voler giocare, contrariamente a quello che si potrebbe pensare, per un’altra squadra di Rio de Janeiro: il Botafogo.

Probabilmente Marcelo, tifoso del club bianconero sin da bambino, ora che è un campione affermato vorrebbe aiutare in prima persona la squadra. E la risposta del club non si è fatta attendere.

Via twitter un render della sua nuova possibile maglia…

 

Fonti: Globoesporte, Twitter

Ti potrebbe interessare

Se le nazionali si facessero con i migliori calciatori di ogni lega…

John Terry e la speciale clausola con la sua nuova squadra…

Marko Arnautovic, il ritardatario preferito di Mourinho

Jack Harrison, un “English Man in New York”…

Real Madrid, periodo di rinnovi contrattuali per i blancos

La vera ragione per cui Ruud Van Nistelrooy lasciò lo United