Champions League

In un qualsiasi altro momento storico un 3-0 in casa avrebbe messo al sicuro la qualificazione e nella sfida di ritorno magari la squadra vincente all’andata avrebbe inserito qualche seconda linea.

Contro il Barcellona non può accadere il return match contro il Psg, vincente all’andata per 4-0, ma la storia [recente] ci insegna che contro Messi e soci nulla è scontato, e il 6-1 dell’8 marzo è ancora ben impresso nella mente di tutti noi.

Certo, diranno molti di voi, la Juventus non è il Psg; tutto vero, verissimo.

La difesa bianconera è tra le più solide al mondo ( e la migliore di questa Champions League con due sole reti al passivo) e anche all’andata alla fine ha tenuto anche se i blaugrana qualche buona chance l’hanno comunque avuta pur fallendola, però è di sicuro vietato anche alla Vecchia Signora presentarsi al Nou Camp con sufficienza, lì si rischiano davvero figuracce.

Non a caso lo stadio dei catalani sarà al solito gremito in ogni ordine di posti, per assicurare alla banda di Luis Enrique quel sostegno di cui hanno assoluto bisogno.

Anche loro ben sanno che non sarà facile, che ripetersi non è scontato, che la Juventus non è un’equipe francese, ma una solida rappresentanza italiana e già questo impone una salita con maggior pendenza anche se partono da un risultato sulla carta più ‘abbordabile’ di un mese fa.

In più c’è anche il fatto che l’ultima squadra italiana a sorprendere il Barça in casa è stata proprio la Juventus, edizione 2003: 2-1.

Di certo molti numeri comunque sono dalla parte di Iniesta e compagnia bella perchè  se è vero che in questa fase storica non è più il Barcellona di qualche stagione fa, è anche vero che comunque in casa non fanno prigionieri e arrivano alla sfida con i bianconeri forti di 15 successi consecutivi in casa.

Statistiche che incutono rispetto, ma difficilmente timore ad una squadra che di battaglie del genere ne ha giocate tante e che stasera deve perdere con quattro gol di scarto per uscire…

 

PROBABILI FORMAZIONI

BARCELLONA (4-3-3): Ter Stegen; Sergi Roberto, Piqué, Umtiti, Jordi Alba; Rakitic, Busquets, Iniesta; Messi, Suarez, Neymar. All. Luis Enrique

Indisponibili: Aleix Vidal, Arda Turan, Rafinha

JUVENTUS (4-2-3-1): Buffon; Dani Alves, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Khedira, Pjanic; Cuadrado, Dybala, Mandzukic; Higuain. All. Massimiliano Allegri

Indisponibili: Pjaca

Ti potrebbe interessare

Se le nazionali si facessero con i migliori calciatori di ogni lega…

John Terry e la speciale clausola con la sua nuova squadra…

Marko Arnautovic, il ritardatario preferito di Mourinho

Jack Harrison, un “English Man in New York”…

Real Madrid, periodo di rinnovi contrattuali per i blancos

La vera ragione per cui Ruud Van Nistelrooy lasciò lo United