nba

I Memphis Grizzlies avevano iniziato i primi allenamenti stagionali di squadra e Marc Gasol aveva notato una tendenza di un giocatore a migliorarsi velocemente e costantemente.

Ha sentito una chimica naturale con un determinato giocatore che a inizio stagione era senza artiglieria, e ne ha così discusso con gli allenatori di Grizzlies.

 

storia JaMychal Green
JaMychal Green – Foto dal web

La carriera

Gli inizi

Il 23 agosto 2007, Green inizia a giocare per l’università del Mississipi.

Durante il suo anno al The Capstone, Green ha giocato dall’inzio tutte tranne una delle 32 partite stagionali, con una media di 11,6 punti a partita e primo posto nei rimbalzi con 7,9 a partita.

Era il secondo tra tutti i giocatori della South Eastern Conference e collegeinsider.com lo nominò Freshman All-American dell’anno.

Durante la sua seconda stagione, è finito nono nella SEC per quanto riguarda i rimbalzi (7.2) e 17 ° nel punteggio (14.1).

È andato in doppia cifra in 10 delle ultime 11 partite nella stagione 2009-10, ed è stato nominato nella squadra della Old Spice Classic del 2009.

Nel punto più alto della sua carriera, Green, fa 27 punti con 13 rimbalzi in una vittoria su Mercer, venendo nominato giocatore SEC della settimana per i suoi sforzi.

All’inizio della sua stagione junior, Green ha cambiato il suo numero da 32 a 1 riuscendo persino a rientrare nell prima squadra All-SEC votata dagli allenatori.

Dopo che Alabama è andato 0-3 nel Paradise Jam Tournament, Green fu sospeso tre partite da Anthony Grant per “comportamento dannoso per la squadra”. In assenza di Green, Alabama è andato. Il 22 gennaio 2011, Green ha segnato 15 punti contro gli Auburn Tigers, superando i 1000 punti in carriera per Alabama.

Da Pro

Ha giocato nella NBA Development League. È cresciuto idolatrando l’atletismo e la ferocia di Amar’e Stoudemire, e ha visto tutti i VHS di Paul Millsap una volta che diventato pro.

Nel 2015, dopo un anno nella lega francese con i Chorale Roanne, i San Antonio Spurs chiamano Green per la loro squadra affiliata di D-League, Austin Toros. Fu solo più tardi che i Grizzlies lo notano, e firma un contratto di tre anni.

JaMychal Green ha giocato a più ripetizioni accanto a Gasol, e mentre la coppia inizia a vincere insieme nelle varie sessioni di allenamento, un consenso inizia ad emergere tra i giocatori, gli allenatori e la dirigenza.

La decisione ufficiale viene presa, e Green è schierato nel quintetto iniziale nella partita di partenza in sostituzione di Zach Randolph, uno che è stato un elemento fondamentale del Grizzlies, soprattutto nei playoff nel 2011.

“È una benedizione che Marc mi abbia sostenuto e aiutato a darmi più fiducia”, ha detto Green a The Vertical. “Mi fa giocare più duramente e credere in me stesso più di chiunque altro, un possibile Hall of Famer che garantisce per te. È un grande per me. Se lo vedo con una doppia maractura, mi ritaglio il mio spazio e rimango intorno alla linea da 3 punti, per dare a Marc lo spazio di cui ha bisogno.”

“In difesa, vorrei essere più duro e cercare di giocare secondo i nostri principi: niente di mezzo, senza azzardare dribbling, e – se so che Marc è dietro di me – cercare di bloccare i tiri. So che c’è un grosso felino dietro di me. ”

Green ha iniziato quasi tutte le partite della stagione 16-17, con una media di 9.2 punti e 7.2 rimbalzi, e ha segnato il 37.8% dei tiri da 3 punti.

Ha perso alcune partite per una tendinite alle spalle, ma nonbostante ciò i Grizzlies avranno concorrenza da diverse franchigie per trattenere il giocatore dato che a luglio sarà free agent.

L’allenatore David Fizdale ritiene che Green sia “inestimabile”. Tony Allen lo definisce “self-starter, fa sempre meglio.”

“La crescita e lo sviluppo di JaMychal come un giocatore è stata enorme per noi”, ha detto Fizdale a The Vertical. “Ho in realtà sostenuto JaMychal un bel po’, perché credo che abbia qualche capacità di segnare di più. Trovargli qualche giocata può essere duro a causa di tutte le opzioni che abbiamo, ma è stato inestimabile.”

“Ha la capacità di difendere le posizioni multiple, è leale, può essere più duro. È diligente nel mantenere la forma fisica e nel lavorare al suo gioco, un complemento fantastico al nostro gruppo “.

Ritornando ai Grizzlies, Randolph, che nel frattempo si era trasformato in una riserva a favore di Green, stava diventando una questione delicata. Nella mente di Fizdale, questo ha portato alla parte più critica del campo: Randolph incoraggia sempre Green a prendersi le responsabilità di uno starter. “Ha detto a JaMychal di iniziare sempre bene”, ha detto Fizdale al The Vertical.

“Entrando, non ho mai voluto mettere nessuno sulla via sbagliata o uccidere qualsiasi chimica”, ha detto Green a The Vertical. “Ho avuto molta pressione sulle mie spalle. Z-Bo (Zach Randolph) probabilmente non era affatto contento, ma a continuato a sostenermi da grande quale è. Mi ha aiutato e aiutato la squadra.”

 

Fonte: Wikipedia, The Vertical

Ti potrebbe interessare

Fiorentina-Real Madrid: la finale di Coppa dei Campioni 1957

Milan-Cavese: quella volta che gli aquilotti vinsero a San Siro…

Che fine ha fatto David Seaman?

I portieri italiani che hanno vinto la Coppa dei Campioni

William “Fatty” Foulke: il portiere più grande del mondo…

Nottingham Forest: lo squadrone che vinse due Coppa dei Campioni di fila