F1 logo

Cambio di regole dal 2018…

 

La Formula 1 sta per mettere a punto un dispositivo che farà da “scudo” trasparente per finalizzare un sistema frontale di protezione della testa del conducente per il 2018.

Una decisione per “dare priorità” allo schermo frontale trasparente è stata presa nelle due riunioni di regolamentazione del passato martedì a Parigi.

Tuttavia, un portavoce della FIA ha affermato che la controversa periferica a mo’ di “aureola”, testata da tutte le squadre l’anno scorso, sarebbe usata la prossima stagione se lo scudo non funzionasse.

La FIA si impegna, dunque, ad introdurre una protezione aggiuntiva nel 2018.

Un delegato della FIA, avrebbe affermato di “effettuare prove in pista con questo sistema [scudo] durante questa stagione in preparazione per l’utilizzazione nel 2018”.

L’aureola – un telaio in metallo che si affaccia sulla testa del conducente dietro le spalle e si trova al centro della parte anteriore della cabina di guida – è l’unico dispositivo di protezione per la testa che finora si è rivelato idoneo nel compito di proteggere i piloti da grandi detriti aerei, che possono arrivare da qualsiasi parte anche se non ci si trova in un incidente.

La Red Bull avrebbe già sperimentato un sistema di schermo, nella scorsa stagione – che è stato chiamato “aeroscreen” – ma ha fallito i test della FIA.

È stato proposto un nuovo sistema di schermatura, noto come scudo, con un angolo più profondo rispetto all’aeroscreen. Questo è il dispositivo che verrà testato quest’anno.

I test FIA si concentreranno in primo luogo per assicurare che lo schermo sia abbastanza robusto per deviare una ruota eo un pneumatico sparato a 150 metri di altezza, e poi se esistono altri problemi importanti come la visibilità.

L’aureola ha superato tutte queste prove ed è pronto per l’introduzione, ma la F1 starebbe pensando a un piano per introdurlo gi´da quest’anno, ma continuano a girarci intorno.

Sono sorti dubbi da parte di alcuni piloti e responsabili delle squadre, che ritengono che la sua estetica non sia appropriata al campionato di Formula 1.

Altre regole sono state apportate durante le riunioni:

  • I nomi ei numeri dei piloti saranno resi più chiari su tutte le vetture del Gran Premio di Spagna il 12-14 maggio, a Barcellona

 

  • I team che attualmente non sono nello Strategy Group – fino ad ora limitato a Ferrari, Mercedes, Red Bull, Williams, McLaren e Force India – saranno invitati alle riunioni per garantire maggiore trasparenza nello sport

 

  • Le Shark fin (pinne di squalo) e le cosiddette ali T-wing che sono apparse sui cofani delle vetture di questa stagione saranno bandite dal 2018

 

  • L’anno prossimo, qualsiasi gara venga interrotta con una bandiera rossa riprenderà con la partenza da fermo.

Fonte: BBC Sports

Ti potrebbe interessare

John Terry e la speciale clausola con la sua nuova squadra…

Jack Harrison, un “English Man in New York”…

Sponsor MotoGP: un efficace strumento di business per le aziende

Real Madrid, periodo di rinnovi contrattuali per i blancos

Rangers-Celtic: Griffiths solo l’ultima delle provocazioni all’Old Firm

Dybala vs. Mertens: stelle a confronto…