Champions League

Quando al ritorno tutto può diventare realtà, Monaco ed Atletico Madrid sperano

Accomunati da un insolito destino. E’ la storia attuale di Monaco ed Atletico Madrid, entrambe protagoniste di un’attesa molto simile, costrette come sono a rincorrere avversari di maggior blasone e forza per accedere alla finalissima di Champions League.

Dovranno infatti superarsi e firmare rimonte da urlo per avere la meglio di Juventus e Real Madrid, due colossi del calcio europeo e mondiale, le due superfavorite alla finalissima anche della vigilia e ancor di più dopo le sfide di andata. Ma la storia ci insegna che rimonte del genere, in passato, sono avvenute. Ovvio che alla mente di tutti la prima che arriva è anche la più recente peraltro tra le più clamorose di sempre: il Barcellona contro il PSG. I catalani hanno compiuto un’impresa pazzesca rivoltando lo 0-4 dell’andata a casa Francia con il 6-1 del Nou Camp. Barcellona che peraltro non è nuovo a ribaltoni del genere: parliamo della stagione 1999-2000 quando i blaugrana rimediarono un pesante 3-1 in casa del Chelsea ribaltato nel ritorno con un 5-1 clamoroso sfruttando anche l’appendice dei tempi supplementari.

Chelsea che però si riprese il ‘maltolto’ buttando fuori il Napoli negli Ottavi della stagione 2011-2012: partenopei vincenti al San Paolo 3-1, ma ribaltati a Stamford Bridge (anche qui dopo i supplementari) per 4-1. Non solo Napoli, anche il Milan nella sua storia rimedia due rovesci clamorosi: la prima contro il Deportivo La Coruna. A San Siro festa grande per i rossoneri che vincono addirittura 4-1, ma il ritorno di Kakà e soci è troppo morbido e rimediano un umiliante 4-0. L’altra rimonta subita dai rossoneri arriva nel 2012-2013 quando vince all’andata contro il Barcellona 2-0, ma al Nou Camp si scatenano Messi e soci e con un perentorio 4-0 liquidano la squadra allora di Allegri.

Anche il Bayern Monaco, clamorosamente fuori dai giochi quest’anno in queste fasi finali della coppa con le orecchie, è stato protagonista di un’impresa memorabile e risale a due stagioni fa (2014-2015) quando perse l’andata dei Quarti in casa del Porto per 3-1 per ribaltare alla grande nella sfida di ritorno dominata con un 6-1 finale. Un precedente particolare invece coinvolge proprio il Monaco, avversario della Juventus. Correva la stagione 2003-2004 e nei quarti di finale i monegaschi se la devono vedere con il Real che all’andata fa sua la sfida al Bernabeu con un perentorio 4-2. Non basterà però per agguantare la semifinale perchè al ritorno la squadra allora di Didier Deschamps si impose per 3-1 e arrivò in quella competizione fino alla finalissima.

Nessun precedente così clamoroso in Champions invece per l’Atletico Madrid chiamato a rimontare il 3-0 sui cugini del Real. Ma c’è però un trascorso da non sottovalutare ed è piuttosto recente visto che parliamo del 7 febbraio 2015, quando cioè la squadra del Cholo rifilò un sonoro quanto sontuoso 4-0 proprio ai blancos in un derby della Liga.

Cosa succederà in queste due sfide di ritorno? Staremo a vedere, noi al solito, tifiamo per il bel calcio.

Ti potrebbe interessare

Turno infrasettimanale di Serie A: mercoledì ricco di big match

Mourinho, chi è il miglior giocatore che abbia allenato?

Barcellona-Juventus: troppo Messi per Dybala e Co.

Champions League: al Camp Nou sfida tra stelle

Settore Giovanile e Scolastico: i numeri del ReportCalcio 2017

In Germania i tifosi non sembrano essere contenti