arsenal

La fine di un’era…

Wenger, il cui contratto scade a fine stagione, è il tecnico dell’Arsenal dal 1996. Sabato scorso i Gunners hanno battuto lo Stoke City per 4 a 1, e hanno distaccato di un punto il Liverpool di Jurgen Klopp, che ora è al quarto posto. Olivier Giroud ha segnato una doppietta in quest’ultima vittoria, con Mesut Ozil e Alexis Sanchez che hanno completato l’opera.

Durante la partita, però, è successo un fatto molto singolare: un aereo, che sorvolava lo stadio dello Stoke, aveva un messaggio indirizzato proprio all’allenatore francese. Il manager dell’Arsenal, Arsene Wenger ha poi detto che “non è stato affatto influenzato” dal messaggio volato sopra lo stadio Bet365 che diceva ‘Wenger – fuori significa fuori‘.

Wenger messagio tifosi
Foto da BBC

 

Futuro incerto.

Il 67enne avrebbe poi dichiarato: “Voglio concentrarmi sul calcio e tutto il resto è, per me, poco importante“. Ha guidato il club in due Doubles nei primi sei anni, ma non vince la Premier League dal 2004 e, da allora, l’Arsenal ha vinto solo due trofei, due FA Cup , negli ultimi 12 anni.

Wenger ha poi aggiunto: “Sono pagato per fare il mio lavoro per un club che amo. Farò quello che posso finché sono qui, con pieno impegno e non sono affatto influenzato da questo. Non sono in politica, sono uno sportivo, amo lo sport, mi dedico 24 ore al giorno a quello che amo. Faccio un lavoro “pubblico”, alcuni sono d’accordo con me, altri no“. Quando dalla Francia iniziavano ad arrivare voci di un nuovo accordo di un anno, ha detto: “Non ci sono notizie su questo, niente“.

L’ex attaccante del club londinese Ian Wright ha poi rincarato la dose: “La gente dice che quando l’Arsenal è sotto pressione, i giocatori non reagiscono, ma nelle ultime partite hanno reagito per rimanere fuori dalle posizioni Champions League. Credo che se vincano la FA Cup possa essere considerata una buona stagione“.

Fonte: BBC Sport

Ti potrebbe interessare

Se le nazionali si facessero con i migliori calciatori di ogni lega…

John Terry e la speciale clausola con la sua nuova squadra…

Marko Arnautovic, il ritardatario preferito di Mourinho

Jack Harrison, un “English Man in New York”…

Real Madrid, periodo di rinnovi contrattuali per i blancos

La vera ragione per cui Ruud Van Nistelrooy lasciò lo United