coppa-del-mondo

Un problema diplomatico mette a rischio il Mondiale

Uno dei primi ad aprire un dibattito sulla dubbia elezione del Qatar come Paese ospitante la Coppa del Mondo 2022 fu l’ex presidente della FA, David Bernstein che incitava la UEFA a lasciare la FIFA e a boicottare i Mondiali di calcio.

La Coppa del Mondo del 2022 sarà in Qatar, ed è ormai cosa nota, e l’organizzazione della manifestazione ha già suscitato molte polemiche per diversi motivi. In primo luogo si è parlato di presunti brogli nel voto, poi si è anche parlato di abusi e cattive condizioni di lavoro sofferte da chi ha prestato (e sta prestando) la sua mano d’opera alla realizzazione dell’evento. Addirittura si stima che per quando avrà inizio la Coppa del Mondo, circa 4.000 dipendenti saranno morti a causa di incidenti nella costruzione degli impianti, un po’ come successe in Brasile per l’ultima competizione.

Ora, l’ultima polemica verte sull’isolamento che alcune nazioni stanno subendo da parte del regime del Qatar. L’agenzia QNA ha pubblicato un messaggio sul suo sito,  dove criticava l’ostilità degli Statu Uniti verso l’Iran e ha parlato anche a favore di Israele (entrambi i paesi sono nemici tradizionali della comunità araba ).

Questo ha causato uno scisma internazionale che, nonostante la smentita ufficiale e l’affermazione che si tratta di un attacco informatico, ha già avuto gravi conseguenze. Per il momento, sono 7 nazioni (Bahrain, Egitto, Libia, Yemen, Maldive, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti) che hanno rotto le relazioni diplomatiche con il Qatar e hanno chiuso tutti possibili passaggi terrestri, navali e aerei per il governo di Doha che, secondo loro, “mette in pericolo la sovranità dei paesi e, per di più, il finanzia gruppi terroristici, tra cui al Qaeda e Daesh”. Da ricordare che il 40% del cibo che arriva in Qatar proviene proprio dall’Arabia Saudita.

La crisi a questo punto è tale che in alcune di queste nazioni è stato anche raccomandato al popolo del Qatar di lasciare il paese e tornare in Qatar nei prossimi 14 giorni per motivi di sicurezza.

Naturalmente ci sono state conseguenze anche nel mondo del calcio. Con questo conflitto, la Coppa del Mondo 2022 è stata messa in discussione. La prima federazione ad agire in questo senso è stata quella tedesca, governata dal presidente Reinhard Grindel. “Una cosa è assolutamente certa: la comunità calcistica deve convenire che non si può giocare grandi tornei in paesi che sostengono attivamente il terrorismo”, ha detto.

Un’altra reazione a questo evento fatale è stata la decisione da parte di Al Ahli, secondo nel campionato Saudita. Il club ha rotto l’accordo che lo legava alla compagnia aerea Qatar Airways appena un mese dopo aver rinnovato.

Da parte sua, la FIFA per il momento resta in silenzio ed in attesa di quello che potrebbe accadere in futuro, ma deve fare una scelta determinata il più presto possibile dato che restano ancora 5 anni all’inizio del Mondiale.

Ti potrebbe interessare

Turno infrasettimanale di Serie A: mercoledì ricco di big match

Mourinho, chi è il miglior giocatore che abbia allenato?

Barcellona-Juventus: troppo Messi per Dybala e Co.

Champions League: al Camp Nou sfida tra stelle

Settore Giovanile e Scolastico: i numeri del ReportCalcio 2017

In Germania i tifosi non sembrano essere contenti