Rolland Garros

La rumena vince dopo essere stata sotto 6-3, 5-1 contro Svitolina

Tempo di semifinali al Roland Garros, edizione 2017. Rafael Nadal continua ad impressionare, con un ruolino di marcia da record: appena 24 game persi in tutto il torneo, senza concedere nemmeno un set. Eppur vero che, fino ad ora, lo spagnolo non ha affrontato avversari alla sua altezza. Il primo vero test, sarà proprio in semifinale contro Dominic Thiem. L’austriaco, ultimo a sconfiggere Rafa sul rosso, ha strapazzato Novak Djokovic dominando i primi due set, e rifilando al serbo il cosiddetto ‘bagel’.

Dall’altra parte del tabellone, Andy Murray supera Kei Nishikori soffrendo solamente nel primo periodo. Lo scozzese è partito col freno a mano tirato in questo torneo ma, partita dopo partita, ha alzato il ritmo del suo gioco. E ora, il big match contro Stan Wawrinka. Attenzione: anche lo svizzero non ha ancora perso un set in tutto il Roland Garros. L’elvetico è anche il campione in carica di questo torneo. Per adesso, il mancino di Manacor sembra il netto favorito al successo finale. Sarebbe una vittoria storica per Nadal: il decimo Roland Garros, o “la décima” se preferite.

Chi invece insegue il suo primo Roland Garros, è Simona Halep. Un vero e proprio miracolo sportivo, quello compiuto la 25enne di Costanza. Sotto 6-3 5-1 contro Elina Svitolina, la rumena è stata capace di ribaltare l’inerzia del match chiudendo otto punti a sei al tie-break e annullando anche un match point. In semifinale, Halep troverà la ceca Karolina Pliskova, vittoriosa su Caroline Garcia, ultima tennista francese rimasta in corsa. Dall’altra parte del tabellone, comunque vada, ci sarà una finalista sorpresa: Jelena Ostapenko sfida Timea Bacsinszky per un posto in finale.

Il cammino della Ostapenko è già storia: mai una tennista lettone era arrivata così in fondo in uno Slam. E la 19enne di Riga ha dimostrato una padronanza e una sicurezza da veterana. Secondo i bookmakers una tra Halep e Pliskova alzerà il trofeo. Ma Parigi ha un fascino tutto suo: amore e magia. E, qualche volta, le favole si avverano.

 

Ti potrebbe interessare

Turno infrasettimanale di Serie A: mercoledì ricco di big match

Mourinho, chi è il miglior giocatore che abbia allenato?

Barcellona-Juventus: troppo Messi per Dybala e Co.

Champions League: al Camp Nou sfida tra stelle

Settore Giovanile e Scolastico: i numeri del ReportCalcio 2017

In Germania i tifosi non sembrano essere contenti