fiorentina

La Viola si tinge coi colori del calcio storico

Dopo la notizia del passaggio di Josip Ilicic dalla Fiorentina all’Atalanta e le parole “da deluso” del Presidente Della Valle sulle sue intenzione di mettere in vendita la squadra, i Viola cercano di sviare le attenzioni  ritornando alle origini… molto alle origini.

Prima del calcio, prima del rugby, prima di qualsiasi altro sport della modernità esistevano i calcianti ed il calcio storico fiorentino. Uno sport fatto di agonismo e adrenalina dove quasi tutto è permesso. La Fiorentina decide dunque di andare ben oltre le origini del club e ben oltre le origini del gioco stesso.

Il calcio storico è tutt’oggi un retaggio della città Medicea ed è vissuto dal popolo non solo come un momento di svago, ma come una vera e propria sfida dove da concittadini si passa ad acerrimi nemici. Ma è un gioco che da centinaia di anni unisce Firenze.

I Viola non potevano rimanere ancora troppo indifferenti alla storia, e hanno così deciso di “tatuarsi” addosso i colori con i quali si sfidano le quattro piazze/quartieri della città:  Santa Croce (blu), Santo Spirito (bianca), Santa Maria Novella (rossa) e San Giovanni (verde).

La seconda maglia avrà tutti e quattro i colori e verrà scelta di volta in volta prima di ogni partita. Alla presentazione della nuova a maglia c’erano i simboli della vecchia e futura generazione: Giancarlo Antognoni e Federico Chiesa.

Fiorentina calcio storico
Foto da www.labaroviola.com

Il figlio d’arte indossava la prima maglia classicamente viola, come il resto del completino, mentre il vecchio fantasista ha parlato anche della squadra che giocherà la stagione 2017/18: “Le ultime notizie non sono positive per la Fiorentina, ma sono sicuro che il prossimo anno avremo giocatori orgogliosi di indossare la maglia viola”.

Qui il video per intero su ViolaChannel:

Fonte: Labaroviola

Ti potrebbe interessare

Se le nazionali si facessero con i migliori calciatori di ogni lega…

John Terry e la speciale clausola con la sua nuova squadra…

Marko Arnautovic, il ritardatario preferito di Mourinho

Jack Harrison, un “English Man in New York”…

Real Madrid, periodo di rinnovi contrattuali per i blancos

La vera ragione per cui Ruud Van Nistelrooy lasciò lo United