famiglia-johnson-the-rock

 Tale padre, tale figlio… tale nonno!

Tutti sappiamo quanto sia importante il supporto familiare e, soprattutto, di modelli positivi, ed esistono molti esempi di dinastie sportive di successo. Ma sapevi che la famiglia di “The Rock“, al secolo Dwayne Johnson, è una di loro?

Dwayne Johnson, prima di essere un attore, è stato un wrestler professionista ed in famiglia qualcuno lo ha aiutato a scegliere la sua carriera. Dwayne è nato a Hayward, California, nella famiglia di Ata Johnson (Maivia da nubile) e del wrestler professionista Rocky Johnson. Il nonno materno, “Grande Capo” Peter Maivia, era anche lui un lottatore.

La nonna materna, Lia Maivia, è stata una delle prime poche promoter femminili del wrestling, e suo cugino, Savelina Fanene, fu anche un wrestler e tuttora lavora per la WWE, per cui possiamo dire che la lotta è nel DNA di “The Rock”.

Ma la sua principale ispirazione, e primo allenatore, è stato il papà, Rocky Johnson. Durante la sua carriera di wrestling, Rocky, o “Soulman“, è diventato Campione della National Wrestling Alliance (NWA) in Georgia e Campione della “Southern Heavyweight Championship” a Memphis, così come ha vinto molti altri titoli. Insieme al suo partner Tony Atlas, Johnson fu parte della prima squadra composta da uomini di colore a vincere il campionato World Tag Team nella World Wrestling Federation.

Rocky Johnson e Tony Atlas
Rocky Johnson e Tony Atlas – Foto da Pinterest

Lo scorso Natale, Dwayne ha deciso di regalare a suo padre, ormai in pensione, una nuova auto, per esprimere il suo amore e la sua gratitudine. Inoltre, ha condiviso su Instagram una storia straziante dell’infanzia di suo padre, di quando diventò un senza tetto alla sola età di 13 anni.

Bought my dad a Christmas gift and surprised him. He’s had a hard life. This one felt good. My dad, Rocky Johnson is a minimalist. Always has been. Never asks me for much and over the years his needs are always the barest. Crazy story, my dad’s dad died when he was 13yrs old. That Christmas, my dad’s mom had her new boyfriend over for Christmas dinner. Her boyfriend got drunk and pissed on the turkey. My dad went outside, got a shovel, drew a line in the snow and said if you cross that line I’ll kill you. The drunk crossed it and my dad laid him out cold as a block of ice. Cops were called. They told my dad’s mom that when her boyfriend regains consciousness, he’s gonna kill your son so one of them has got to go. In front of the entire family, my dad’s mom looked at him and said get out. He was 13yrs old and now homeless. That f*cked up true story happened in Amherst, Nova Scotia, Canada in 1954. He needed the bare minimum then, just like does now. Over the years, I’ve moved him into a big home, got him trucks to drive – which he’ll literally drive into the ground until I get him something else. Hell, I’ll get him anything he wants, but the SOB just won’t ask;). Every Christmas, I always think about that story and my dad having every odd stacked against him at 13, but he fought thru it and still made something of himself. Makes me appreciate his struggle and hard work. Also, makes me appreciate the fun times he would beat my ass in the gym so bad when I was 13 and say “If you’re gonna throw up, go outside.. and if you’re gonna cry, then go home to your mother”. I hated it then, but I embrace it now. Made a man outta me. Without pissing on my turkey. 😂👍🏾. Just a small way of saying thank you dad and Merry Christmas! #DwantaClaus🎅🏾

Un post condiviso da therock (@therock) in data:

A questo punto possiamo dire che il soprannome “The Rock” è più un retaggio di famiglia, del mix nato tra i Johnson e i Maivia, lottatori nel sangue.

Ti potrebbe interessare

Se le nazionali si facessero con i migliori calciatori di ogni lega…

Marko Arnautovic, il ritardatario preferito di Mourinho

Sponsor MotoGP: un efficace strumento di business per le aziende

Defibrillatore, perché ogni società sportiva dovrebbe averne uno?

La vera ragione per cui Ruud Van Nistelrooy lasciò lo United

Cross country o Marathon: quale mountain-bike scegliere?