motociclismo

Quali sono i motivi per cui un’azienda dovrebbe sponsorizzare la MotoGP?

La MotoGP è il principale campionato del Mondo di Motociclismo, nonché il punto più alto del motorsport a due ruote. La stagione, composta di 18 appuntamenti che toccano 15 nazioni in 5 continenti, vede sfidarsi i prototipi motociclistici più veloci e tecnologicamente avanzati al mondo su tre classi di diversa potenza: MotoGP, Moto2 e Moto3.

È uno spettacolo grandioso ed emozionante, che da marzo a novembre attira sui circuiti e davanti alle televisioni di tutto il mondo milioni e milioni di spettatori. Ben 207 nazioni ricevono le immagini live dell’azione, raggiungendo 369 Milioni di abitazioni in tutto il pianeta per un totale di 23,000 ore di trasmissioni all’anno, mentre 2,5 Milioni di spettatori affollano i 18 circuiti del Mondiale.

Grazie a questi numeri eccellenti, e al sistema valoriale trasmesso dal Campionato (passione, velocità, dinamismo, innovazione tecnologica e velocità) da sempre la MotoGP è una straordinaria piattaforma di marketing per brand e aziende che ne sfruttano l’enorme potenziale attraverso accordi di sponsorizzazione, licensing e sfruttando le opportunità di hospitality.

Leader del petrolio e dei lubrificanti, grandi carrier telefonici, aziende dell’abbigliamento ed ovviamente un gran numero di brand legati al motociclo ogni anno sfruttano la popolarità, la visibilità e la grande forza comunicativa della disciplina per incrementare le vendite, migliorare il posizionamento dei loro prodotti e accrescere la brand preference.

Che benefit traggono i tanti brand presenti all’interno dei paddock?

Certamente, ciò che salta all’occhio prima di tutto è la grande visibilità che il Campionato genera. Grazie ad un’esposizione mediatica di primissimo ordine, che trova spazio su televisioni, quotidiani, blog e media di tutto il mondo, la MotoGP è capace di garantire ai propri partner una copertura eccezionale, internazionale e trasversale.

Conseguenza immediata è l’aumento della brand awareness, ovvero di quanto è conosciuto un marchio, un logo o un nome aziendale. Un gran numero di aziende appena entrate nel mercato, o che vogliono conquistare nuovi clienti si avvicinano alla sponsorizzazione sportiva proprio per questo motivo, certi del fatto che l’accostamento ad uno sport estremamente popolare e conosciuto porti enormi benefici in termini di conoscenza e ricordo da parte del consumatore.

Tuttavia, benché fondamentale, la brand awareness di per sé non implica la scelta di questo o di quel prodotto, ma unicamente di conoscenza dello stesso. Si parla di Brand Preference, ovvero di preferenza del marchio, quando si vuole indicare la scelta che il consumatore affida al prodotto. Nel caso delle sponsorizzazioni in MotoGP, la brand preference si genera quando alla grande visibilità del marchio si uniscono gli straordinari valori della MotoGP e l’unicità e il prestigio del Campionato.

Un altro beneficio, in termini di marketing, che le aziende ottengono diventando partner del Motomondiale è la possibilità di comunicare in maniera più efficace e più diretta con il loro pubblico di consumatori e di partner. È quello che il marketing chiama engagement B2C o B2B. La MotoGP, ma questo è vero per tutto il marketing sportivo, favorisce l’efficacia di questa comunicazione poiché comunica con il pubblico attraverso gli atleti, le squadre e gli eventi che questo ama e segue con lealtà e dedizione.

Da non dimenticare è la possibilità di attivare pacchetti di hospitality: un’opzione di cui la quasi totalità degli sponsor gode. Attraverso questo strumento è possibile riservare posti in prima fila ed esperienze esclusive (ad esempio all’interno del paddock, con visite ai box e via discorrendo) per i propri partner migliori o per i clienti più importanti. Molto spesso infatti questi luoghi, che sono lontani dal business tradizionale, sono le location più utili per chiudere accordi di business o cementare relazioni importanti.

La somma di tutte questi aspetti, e di tanti altri ancora, risulta nel benefit ultimo e nel risultato che – a ben vedere – ogni azienda ricerca quando intraprende azioni di marketing: l’aumento delle vendite. L’impatto sulla bottom line di queste attività, infatti, è straordinario e testimonianza ne è il larghissimo uso che le principali aziende mondiali fanno della sponsorizzazione sportiva.

Se vi interessa approfondire l’argomento, girovagando sul web abbiamo trovato un’azienda che da più di 25 anni offre consulenza a coloro che vogliono utilizzare il motomondiale (ed altri sport, ovviamente) come strumento di comunicazione nel proprio marketing mix, la RTR Sports Marketing (https://rtrsports.com/).

Fonti: Dorna, CSM International, Nielsen Sports

 

Ti potrebbe interessare

Se le nazionali si facessero con i migliori calciatori di ogni lega…

Marko Arnautovic, il ritardatario preferito di Mourinho

Defibrillatore, perché ogni società sportiva dovrebbe averne uno?

La vera ragione per cui Ruud Van Nistelrooy lasciò lo United

Cross country o Marathon: quale mountain-bike scegliere?

Quanto costerebbe nel calciomercato moderno la classe del ’92?