Terry Aston Villa

John Terry è una leggenda del calcio in Inghilterra da 20 anni, di cui 18 passati al Chelsea, il club che ha lasciato la scorsa estate per firmare con l’Aston Villa in una forma alquanto bizzarra e che in pochi hanno capito. Il suo ex club gli ha chiuso le porte, ma nessuno ha capito perché abbia firmato per un club di Championship, seconda divisione inglese.

Bene l’accordo con il team di Birmingham, cittadina a 300 km da Londra, città dove è nato, ha esordito nel calcio che conta (il 28 ottobre 1998, con Gianluca Vialli in panchina, in partita che finì con una vittoria per 4-1 per i Blues ndr) e dove comunque continua a vivere la sua famiglia.

Un clausola del contratto di Terry con i Villains prevede tre giorni di vacanza a settimana per il difensore inglese. Indifferente quale possa essere la situazione o il momento dell’Aston Villa, perché il centrale inglese passerà tre giorni nella sua città e con la sua famiglia. E andrà così settimana dopo settimana.

Di certo, l’ex nazionale inglese, si è sempre evidenziato per la sua professionalità è non trascurerà la sua forma fisica. Infatti si allenerà con quelli che furono suoi compagni di squadra al Chelsea. Cobham (centro sportivo del Chelsea ndr) è stata la sua casa per molti anni e John Terry non vuole proprio rassegnarsi a lasciarla.

Il 36enne difensore voleva continuare a giocare ai massimi livelli, sempre al Chelsea, che però ha preferito non prolungargli il contratto e così fuga in un club di un certo livello, seppur di Championship. A Birmingham compare agli allenamenti un paio di volte a settimana, giusto per non far sentire la sua mancanza, e nonostante ciò i Villains militano al quinto posto in classifica ed hanno una delle miglior difese del torneo.

Ti potrebbe interessare

Se le nazionali si facessero con i migliori calciatori di ogni lega…

Marko Arnautovic, il ritardatario preferito di Mourinho

Jack Harrison, un “English Man in New York”…

Real Madrid, periodo di rinnovi contrattuali per i blancos

La vera ragione per cui Ruud Van Nistelrooy lasciò lo United

Rangers-Celtic: Griffiths solo l’ultima delle provocazioni all’Old Firm