coppa libertadores

“Signore e Signori, per favore, alziamoci per spendere un minuto di silenzio in omaggio a Ricardo Oliveira, giocatore del Santos. Pace all’anima sua”, così apre il minuto di silenzio lo speaker dello stadio dell’Independiente Santa Fe, lo stadio Nemesio Camacho El Campín di Bogotá.

Un minuto surrealista vissuto nell’incontro valido per la Coppa Libertadores tra la squadra colombiana Independiente Santa Fe e i brasiliani del Santos, nel quale Ricardo Oliveira figurava tra i titolari.

“Onestamente non me ne sono reso conto, è passsato sott’occhio. Però dopo lo vado a rivedere…” – avrebbe detto l’attaccante brasiliano, Ricardo Oliveira, a fine partita.
Partita terminata 0-0 e che vedeva scontrarsi prima contro seconda nel Gruppo 2 della massima competizione continentale sudamericana per club appena iniziata, la Copa Libertadores.

 

 

Il minuto di silenzio, in ogni caso, era per un ex attaccante dei brasiliani del Santos degli anni 60, Alexandre de Carvalho Kaneco, morto lo scorso 18 aprile.

 

 

Fonti: Mundo Deportivo, Diretta.it, Youtube

Ti potrebbe interessare

La fatica di emergere dai dilettanti…

Cos’era la Coppa Intertoto? La parentesi estiva che regalava il pass europeo

Il borsone di cartone: chi sono i giocatori italiani all’estero?

Europa: numeri e statistiche delle prime della classe

Non ha giocato contro il Real Madrid per via della “clausola della paura”

Che fine ha fatto Daniel Gibson? La storia della stella nata due volte