nba

Erano 40 anni che non si vedeva un tiro del genere sui parquet americani.

Il motivo è più che semplice: il rookie (esordiente) ha un tallone d’achille, i tiri dalla lunetta e per ovviare ha scelto la via più semplice, quella che si sceglie da bambini… tirare da sotto!

In verità non è il primo a farlo in tutti questi anni, in altre categorie (tipo NCAA), questa tecnica è molto utilizzata per migliorare le prestazioni sotto canestro. Fa sempre una sensazione strana vederlo, soprattutto per noi italiani che abbiamo una tradizione cestistica diversa dagli statounitensi.

Secondo voi migliora realmente le prestazioni dei tiri liberi?

Qui il video:

 

Ti potrebbe interessare

La fatica di emergere dai dilettanti…

Cos’era la Coppa Intertoto? La parentesi estiva che regalava il pass europeo

Il borsone di cartone: chi sono i giocatori italiani all’estero?

Europa: numeri e statistiche delle prime della classe

Non ha giocato contro il Real Madrid per via della “clausola della paura”

Che fine ha fatto Daniel Gibson? La storia della stella nata due volte