juventus nuovo logo
 

Tempo di Lettura: 7 minuti

La Fase 2 prevede anche l’apertura di alcuni club per iniziare nuovamente ad allenarsi. Sicuramente tutte le square avranno bisogno di una sorta di richiamo di preparazione, e la Juve non fa eccezione. Ieri a Torino è atterrato Cristiano Ronaldo, ma come sono messi gli altri?

Dybala

Il dieci della Signora, contagiato il 21 marzo, attende l’ultimo tampone: il risultato arriverà a giorni, intanto lavora a casa e si rilassa con lo yoga. Paulo ha già avuto l’ok dei medici: in caso di negatività potrà tornare anche lui alla Continassa.

Higuain

Di lui si sa poco, perché non usa i social, ma nonostante i dubbi sul rientro e la malattia della madre sta lavorando sodo: tapis roulant tutti i giorni ed esercizi in giardino con l’aiuto di papà Jorge, ex difensore.

Bernardeschi

Assiduo e maniacale negli allenamenti casalinghi: il lavoro quotidiano lo ha aiutato a riempire le giornate. Per il resto si è dedicato alla figlia, ai cani e alla chitarra.

Douglas Costa

Sole, cuore, scherzi e sudore: per Flash in Brasile divertimento ma anche tanto lavoro tra scatti, cinesini, pesi e step. A casa Douglas sta ha ritrovato la forma perduta a causa dei tanti infortuni.

Pjanic

È stato il primo a tornare in Ita- lia, dove ha continuato il lavoro iniziato in Lussemburgo: tennis, tapis roulant e scatti in salita, oltre a sedute supplementari col pallone insieme al figlio Edin.

Bentancur

Il ragazzo venuto dall’Uruguay è rimasto a Torino e ha lavorato sodo: tanti esercizi con il pallone anche in terrazzo, con l’ausilio di elastici e palle mediche.

Danilo

Ha raggiunto la famiglia in Brasile, dove ha una palestra super attrezzata e si è sfogato tra pesi, bilancieri e panche. Contenderà il ruolo a De Sciglio che ha lavorato a Torino.

Alex Sandro

Si è rifugiato in Brasile senza lasciare tracce sui Social. Però i contatti con la Juve sono stati costanti.

Bonucci

Un’ora e mezza di lavoro al giorno nella sua casa di Torino: Stakanov non si è risparmiato neanche in quarantena.

Chiellini

Prima al J Hotel, dove ha trascorso i 14 giorni di quarantena dopo la positività di Rugani, poi a Livorno dalla famiglia: Chiello è stato ligio al dovere.

Khedira

Lo stop è servito per migliorare la condizione: appena rientrato da un infortunio, in Germania ha fatto il tagliando per mettersi al pari con gli altri.

Rabiot

Video e foto quotidiani degli allenamenti made in France, dove il centrocampista ha anche un campo di calcio.

Matuidi

Sfide in famiglia, tra piegamenti, scatti e capriole, ma anche lavoro personalizzato per ritrovare la condizione. Blaise come Dybala e Rugani (i tre positivi della Juve) si è dovuto fermare dopo aver scoperto di avere il COVID-19, ma poi ha accelerato per recuperare il tempo perduto.

I portieri

Senza Buffon, Szczesny ha tro- vato un partner in famiglia: si è allenato a parare i tiri del piccolo Liam. Il lavoro vero lo fa quando il figlio dorme. Buffon invece si divertito con i figli a fare le Olimpiadi in giardino.

Demiral

Ha sfruttato il periodo di pausa per fare fisioterapia al ginocchio operato, ora lavora al J Medical con l’obiettivo di rientrare ai primi di luglio.

De Ligt

Tanta corsa, anche con la sua Annekee, e assiduo lavoro di forza quotidiano, prima in Italia e poi nella sua Amsterdam.

Ramsey

Il problema sono i dolci: sua moglie ama cucinare e lui mangiare, così in quarantena si è concesso qualche strappo alla regola tra un allenamento e l’altro e ora teme la bilancia.

Cuadrado

Allenarsi in due è meglio. Il colombiano ha condiviso spesso la fatica con la moglie: lavoro ad alta intensità con la musica.

 
 

Tempo di Lettura: 7 minuti

 

Ultime dalla Piazzetta

La più grande farsa della storia del calcio

I peggiori giocatori di sempre de La Liga spagnola

I peggiori acquisti del PSG di Al-Khelaifi

I 10 calciatori asiatici più costosi nel 2020

I 10 giocatori che hanno vinto Champions League e Copa Libertadores

Luigi De Laurentiis:«Il mio Bari merita di stare in alto»

Loading...