sport-running
 

Tempo di Lettura: 9 minuti

Abbiamo già trattato in passato l’argomento degli infortuni più comuni nello sport, perché si sa allenarsi fa bene alla salute ma possono sempre capitare dei piccoli incidenti. In questo articolo faremo un breve approfondimento sulle lesioni che possono colpire i legamenti e i tendini quando si fa sport.

Ci sono infatti dei tipi di allenamento che possono essere particolarmente pericolosi per la salute di entrambi. Tra gli sport più traumatici ricordiamo sicuramente il rugby, il calcio, la pallavolo, lo squash ma anche basket, corsa, sci e tennis.

Cosa sono i legamenti e come vengono esposti al rischio?

I legamenti sono delle strutture fibrose che hanno il compito di collegare tra loro le ossa, oppure parti dello stesso osso e il loro fine è quello di mantenere stabili i movimenti e permettere al nostro corpo di muoversi senza che le ossa vengano alterate nella loro struttura. Inoltre, presentano tantissimi recettori nervosi in costante collegamento con il nostro sistema nervoso centrale.

Qui un approfondimento sui legamenti e la loro funzione. I legamenti sono veramente molto resistenti però hanno un piccolo difetto: sono poco elastici.

Per questo motivo è fondamentale fare stretching prima di un allenamento, per aumentare la loro elasticità e prevenire gli infortuni. Purtroppo, il legamento se viene sottoposto a carichi molto elevanti rischia di rompersi.

Quando la forza applicata supera la loro resistenza i legamenti si rompono. Le lesioni ai legamenti si dividono in gradi: il grado 0 è quando c’è un trauma però non ci sono danni anatomici, il grado 1 è quando invece il trauma provoca una lesione molto lieve del legamento, il grado 2 invece si ha quando il legamento si rompe parzialmente ed infine il grado 3 è il trauma più grave quando si ha la rottura completa.

La lesione dei legamenti avviene solitamente tramite distorsioni o lussazioni, un’area molto sensibile è proprio quella del ginocchio e delle caviglie.

Cosa sono i tendini e le principali lesioni

I tendini sono delle strutture che collegano invece i muscoli tra di loro e sono fatti di tessuto elastico e resistente ma anche questi sono soggetti a traumi.

Per evitare possibili lesioni, oltre che fare adeguato stretching prima di allenarvi, potete seguire i consigli del dottor Teori, così da ridurre al minimo il rischio di infortunio. Le principali patologie a cui sono soggetti i tendini sono ad esempio l’epicondilite, conosciuta anche come il famoso gomito del tennista.

In questo caso l’uso eccessivo del gomito e la ripetizione dei movimenti porta ad un’infiammazione che genera dolore e gonfiore. In generale si indica con il termine di Tendinopatia tutte le infiammazioni che riguardano i nostri tendini.

Un’area particolarmente sensibile del nostro corpo è proprio il tendine di Achille, soggetto a rotture e infiammazioni. Generalmente le varie infiammazioni sono provocate o da dei movimenti improvvisi, oppure da movimenti che si ripetono nel tempo.

Per evitare problemi, soprattutto se sapete di fare uno sport dai movimenti ripetitivi, è un adeguato stretching e riscaldamento prima di ogni attività.

Note
www.my-personaltrainer.it/salute-benessere/tendine-achille.html
it.wikipedia.org/wiki/Legamento
www.icsmaugeri.it/patologie/lesioni-e-patologie-dei-legamenti

 
 

Tempo di Lettura: 9 minuti

 

Leggi Anche

Sintomi, Prevenzione e Cura dell’infiammazione al Tendine d’Achille

La ginnastica per l’ernia del disco

Pubalgia, che cos’è e come si cura?

Perché vengono i crampi?

Patologie del giovane calciatore: quali sono e come si curano?

Quali sono i 10 infortuni sportivi più comuni?

Loading...