fiorentina
 

Gabriel Omar Batistuta. 

Per chi non lo conoscesse, era quello che quando faceva gol esultava con la mitraglietta, quello di “Irina Te Amo”, quello che da solo segnava all’Arsenal e altre squadrette.

In Italia ha giocato con Fiorentina, Roma e Inter. Per le prime due un simbolo, per la terza un grande giocatore a fine carriera.

A Roma ha vinto il suo primo scudetto e nella sua prima stagione realizzò 20 gol in campionato, contribuendo alla vittoria del terzo scudetto della storia del club capitolino. Durante Roma-Fiorentina del 26 novembre del 2000 segnò negli ultimi minuti il gol della vittoria per i giallorossi; nell’occasione non esultò, dispiaciuto per i vecchi tifosi e felice per i nuovi.

Ma è a Firenze che si consacrò al grande calcio, ed è qui che l’hanno introdotto nella loro hall of fame premiato da un altro grande viola Giancarlo Antognoni.

 

Ultime dalla Piazzetta

Stadi di Subbuteo, tra gioco e modellismo

MMA, la classifica dei fighter dal migliore al peggiore

Perché Messi cammina i primi minuti di partita?

Dybala: “Giocare con CR7 e Messi è un vantaggio per me, posso studiarli ogni giorno”

David Villa: “Ho avuto fortuna, sono stato felice!”

Presidente FIGC femminile: “Le pari opportunità nel 2020 sono dovute”

Loading...

Commenti

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *