fiorentina
 

Gabriel Omar Batistuta. 

Per chi non lo conoscesse, era quello che quando faceva gol esultava con la mitraglietta, quello di “Irina Te Amo”, quello che da solo segnava all’Arsenal e altre squadrette.

In Italia ha giocato con Fiorentina, Roma e Inter. Per le prime due un simbolo, per la terza un grande giocatore a fine carriera.

A Roma ha vinto il suo primo scudetto e nella sua prima stagione realizzò 20 gol in campionato, contribuendo alla vittoria del terzo scudetto della storia del club capitolino. Durante Roma-Fiorentina del 26 novembre del 2000 segnò negli ultimi minuti il gol della vittoria per i giallorossi; nell’occasione non esultò, dispiaciuto per i vecchi tifosi e felice per i nuovi.

Ma è a Firenze che si consacrò al grande calcio, ed è qui che l’hanno introdotto nella loro hall of fame premiato da un altro grande viola Giancarlo Antognoni.

 

Ultime dalla Piazzetta

Le statistiche mostrano come sia cambiato il basket in 20 anni

Xavi spiega il perché del suo rifiuto alla panchina del Barcellona

La UEFA cambia la TOP 11 in modo che Ronaldo non fosse escluso

Theo Hernández, arrestata la modella che lo accusò di violenza

Rivoluzione FIFA sul calciomercato, stabilito un tetto per le cessioni

Come superano problemi di tensione e nervosismo i calciatori professionisti?

Loading...

Commenti

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *