fiorentina
 

Tempo di Lettura: 2 minuti

Gabriel Omar Batistuta. 

Per chi non lo conoscesse, era quello che quando faceva gol esultava con la mitraglietta, quello di “Irina Te Amo”, quello che da solo segnava all’Arsenal e altre squadrette.

In Italia ha giocato con Fiorentina, Roma e Inter. Per le prime due un simbolo, per la terza un grande giocatore a fine carriera.

A Roma ha vinto il suo primo scudetto e nella sua prima stagione realizzò 20 gol in campionato, contribuendo alla vittoria del terzo scudetto della storia del club capitolino. Durante Roma-Fiorentina del 26 novembre del 2000 segnò negli ultimi minuti il gol della vittoria per i giallorossi; nell’occasione non esultò, dispiaciuto per i vecchi tifosi e felice per i nuovi.

Ma è a Firenze che si consacrò al grande calcio, ed è qui che l’hanno introdotto nella loro hall of fame premiato da un altro grande viola Giancarlo Antognoni.

 

Ultime dalla Piazzetta

Rivelazione di Cristiano Ronaldo: «Senza dubbio il titolo più importante della mia carriera!»

Clamoroso in Spagna: partita covid tra infetti e non infetti

La nuova “identità” della nazionale di calcio islandese

Atleti inglesi usati come cavie da laboratorio nel 2012

I calciatori senza contratto che “tirano il carro”

Cindy Dandois, la fighter a luci rosse causa pandemia

Loading...

Commenti

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *