fiorentina
 

Gabriel Omar Batistuta. 

Per chi non lo conoscesse, era quello che quando faceva gol esultava con la mitraglietta, quello di “Irina Te Amo”, quello che da solo segnava all’Arsenal e altre squadrette.

In Italia ha giocato con Fiorentina, Roma e Inter. Per le prime due un simbolo, per la terza un grande giocatore a fine carriera.

A Roma ha vinto il suo primo scudetto e nella sua prima stagione realizzò 20 gol in campionato, contribuendo alla vittoria del terzo scudetto della storia del club capitolino. Durante Roma-Fiorentina del 26 novembre del 2000 segnò negli ultimi minuti il gol della vittoria per i giallorossi; nell’occasione non esultò, dispiaciuto per i vecchi tifosi e felice per i nuovi.

Ma è a Firenze che si consacrò al grande calcio, ed è qui che l’hanno introdotto nella loro hall of fame premiato da un altro grande viola Giancarlo Antognoni.

 

Ultime dalla Piazzetta

“Tieniti in Forma”: il progetto in provincia di Salerno per giovani calciatori

Calciomercato: i 10 maggiori movimenti dal 2000 al 2010

Mack Beggs, il Wrestler Transgender campionessa del Texas

Serie D 2019/20: tutte le squadre regione per regione

Serie B e C: è caos tra club a rischio e ripescaggio

L’avvocato di Maradona parla sulle sue condizioni di salute

Loading...

Commenti

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *