olimpiadi
 

Tempo di Lettura: 8 minuti

© Youtube

Il merito è tutto della signora Motoko. Fu lei a spingere il marito Hiroshi, cavaliere dilettante, a lasciare il salto ostacoli per una disciplina affascinante qual è il dressage. Ed è stata lei a convincere il suo Hiroshi, una volta andato in pensione, a rimettersi in sella sul serio e tentare il record di più anziano atleta olimpico di sempre. In realtà non c’è voluto molto per convincere Hiroshi Hoketsu, nato il 28 marzo 1941 a Chuo, distretto di Tokyo, a restare in sella. L’obiettivo adesso è la partecipazione ai Giochi di Tokyo del 2021 a 80 anni compiuti. Il più anziano olimpico resta al momento il tiratore svedese Oscar Swahn, 72 anni e 289 giorni quando vinse l’argento a squadre ad Anversa 1920. Il più anziano cavaliere olimpico resta invece l’austriaco Arthur von Pongracz de Stent-Miklos, che in sella a Ovar gareggiò a Berlino 1936 all’età di 72 anni appena compiuti. Hoketsu ha debuttato ai Giochi nel 1964, proprio a Tokyo.

Il fatto che l’Olimpiade torni a casa è un’opportunità rara: «Avrei potuto fare il record già a Rio de Janeiro, ma il mio Brioni W si infortunò. Avere di nuovo l’Olimpiade a Tokyo è commovente. Se le forze mi sosterranno farò di tutto per esserci». Qualificazioni non ne deve fare. Per i padroni di casa la scelta dei 4 cavalieri spetta al c.t. locale, che lo valuterà insieme a connazionali più giovani anche di 50 anni. Ma Hiroshi in Giappone è una bandiera e un personaggio di cui anche i bambini sanno qualcosa. E lui è uno tosto. Anche adesso…

Poker

Sarebbe la quarta volta a un’Olimpiade, per il signor Hoketsu. Nel 1964, allora 23enne, il giovane Hiroshi, salito in sella a 12 anni presso il Tokyo Riding Club, approfittò della wild card per i padroni di casa e debuttò nel salto ostacoli. Ricorda ancora tutto nei dettagli. Era l’ultimo giorno dei Giochi: «Entrai come 21°. Non andò benissimo, commisi qualche errore in sella a Raro. Non avrei mai partecipato se l’Olimpiade si fosse fatta altrove, all’epoca significava fare un viaggio di un mese in nave col cavallo, quel che contava era esserci». Finì 40°, il Giappone chiuse 12° nella prova a squadre. Grande appassionato di cavalli, un amore coltivato e se possibile cresciuto nel tempo, Hiroshi ha passato un’intera vita tra maneggi e concorsi, facendo base all’Avalon Hillside Farmdi Yokohama. Ma anche durante i suoi studi in America e nel periodo in cui lavorava da top manager in Germania. Preso un Master in Economia alla Duke University in North Carolina, il signor Hoketsu è diventato top manager di grandi industrie farmaceutiche, prima in Giappone poi anche in Germania.

«Ogni giorno mi alzavo alle 5 del mattino, andavo in scuderia, mi allenavo e poi andavo a lavorare. Così per 30 anni. Adesso che sono in pensione è un lusso dormire due ore di più». La signora Motoko, che si innamorò del dressage guardando i concorsi ad Aquisgrana, convinse il marito a cambiare disciplina e lui conquistò un posto da riserva nel dressage a Los Angeles 1984 e uno per gareggiare a Seul 1988. «Ma il mio cavallo si infortunò durante la quarantena».

Pensione

Poi, nel 2003, la signora Motoko lanciò la sfida al marito, neo pensionato: «Sei in forma, provaci, torna ai Giochi col dressage. Ce la puoi fare». È iniziata così la seconda carriera dell’ex top manager Hoketsu. Se ne andò un anno ad Aquisgrana, dal trainer Ton De Ridder. Da allora è stato tutto un avanti e indietro Giappone-Germania con due medaglie d’argento ai Giochi Asiatici, due qualificazioni per i World Equestrian Games (2006 e 2010), 5 titoli nazionali e la partecipazione a due Olimpiadi, con la bellissima Whisper, una saura di razza Hannover: a Pechino 2008 finì 34° nell’individuale e nono a squadre, a Londra 2012 si piazzò 41° a titolo individuale, diventando a 71 anni e 134 giorni il giapponese più anziano a cinque cerchi.

«Rispetto al 1964 conta meno esserci e più vincere, anche per la politica e per i soldi, ma l’atmosfera è rimasta unica» disse dopo la gara, celebrato a Greenwich Park come fosse un re dai giornalisti di Sua Maestà. Nel 2013 un infortunio irreparabile costrinse i medici all’eutanasia per la povera Whisper mentre, per Rio 2016, l’infortunio a Brioni W impedì a mister Hoketsu di gareggiare a 75 anni.

Ora, con l’Olimpiade in casa, è arrivato il momento di riprovarci: «Mia moglie si è pentita, vorrebbe che lasciassi. Lo farò dopo i Giochi di Tokyo. Finché mi sento in forma e riesco a migliorare la mia qualità in sella non smetto. E oggi sono più bravo di quando avevo 40 anni. Peso sempre 62 chili. Ho mantenuto una vita sana e una buona alimentazione. La sensibilità conta più dei muscoli».

Dal 2010 in poi, Hoketsu ha preso parte a 28 gare internazionali, con una vittoria. Era nella long list di cavalieri fra i quali, a me-tà giugno, si sarebbero dovuti scegliere i 4 titolari e la riserva per i Giochi. Poi il rinvio per coronavirus…

Il Paese lo aspetta, lo vuole. La signora Motoko se ne farà una ragione.

 
 

Tempo di Lettura: 8 minuti

 

Ultime dalla Piazzetta

Pallavolo: stilato il protocollo per il ritorno della Serie A

L’uomo che ha scritto l’inno della Champions League

Come si gioca a paddle?

Marcelo e altri campioni che hanno scelto un orologio Casio

Il film hard sui Mondiali di Cicciolina e Moana Pozzi

Il Ministro Spadafora e il pubblico negli stadi, ecco quando si ritornerà a tifare

Loading...