Il più famoso dribbling della storia del calcio è Made in Italy!

Amedeo Biavati (Bologna, 4 aprile 1915 – Bologna, 22 aprile 1979) era un calciatore italiano, centrocampista, campione del mondo con l’Italia nel 1938.

Chi meglio descrive le sue caratteristiche tecniche è il suo allenatore dell’epoca, Vittorio Pozzo: “Qualcuno sostiene che già Mumo Orsi eseguiva quel finto passo per raccogliere la palla con la seconda gamba, ma io debbo dire che lo abbozzava appena. Biavati è stato l’attaccante che ha portato il passo doppio alla perfezione. Il pubblico ormai lo aspettava, ad ogni sua fuga sulla linea laterale. E lo aspettava anche l’avversario costretto a fronteggiarlo. Ma non c’era niente da fare. A tutta velocità Medeo eseguiva una specie di saltino per aria, sembrava che volesse passare la palla indietro di tacco. Il difensore rallentava un attimo, Biavati lo saltava toccando la palla col secondo piede e se ne andava.

Ala destra celeberrima per il suo “doppio passo”, era un giocatore veloce ed elegante, un gran dribblomane nonostante avesse il problema dei piedi piatti. Le sue incursioni laterali lo portarono anche a far sentire il suo peso in area di rigore, 73 gol in 249 partite di campionato.

Dati biografici:
Nazionalità Italiana

Dati agonistici:
Ruolo Centrocampista
Carriera

Giovanili:

1930-1932 Bologna

Squadre di club:

1932-1934 Bologna Bologna 16 (6)
1934-1935 Catania Catania 30 (9)
1935-1947 Bologna Bologna 203 (58)

Nazionale:

1938-1947 Italia 18 (8)

Carriera da allenatore:

1950-1951 Magenta Magenta
1951-1952 Manduria
Imola
Città di Castello
1969-1970 Rovereto

Palmarès:

Coppa Rimet
Oro Francia 1938

 

Ti potrebbe interessare

Jugoslavia: la nazionale perduta

I vincitori dei guanti d’oro ai Mondiali: dal 1930 ad oggi

I 20 migliori gol di Roberto Baggio

Quella volta che Menotti non convocò Maradona in nazionale

Asier de la Iglesia, il primo professionista spagnolo con sclerosi multipla

La maglietta rossa: quella volta che l’italtennis sfidò Pinochet