rafa nadal roland garros 2017

Un 2017 fantastico per il campione spagnolo

Il Roland Garros è ancora una volta suo. Rafael Nadal completa l’opera in finale battendo Stan Wawrinka in tre set, e torna a trionfare sulla terra rossa di Parigi tre anni dopo il suo ultimo successo. Un torneo perfetto quello dello spagnolo che ha concesso agli avversari appena 35 giochi, sfiorando il record di Bjorn Borg del 1978 quando perse 32 game in tutto il Roland Garros. Da lunedì Rafa sarà numero 2 del mondo, con 15 Slam in bacheca e il record di Pete Sampras eguagliato.

L’attesa per la finale era alta, ci si aspettava sicuramente più battaglia contro uno Stanislas Wawrinka che prima di oggi aveva vinto tutte le tre finali Slam a cui aveva preso parte. Ma l’avversario che lo svizzero si è trovato di fronte oggi era semplicemente troppo forte. Nadal non ha mai perso l’ultimo atto a Parigi, 10 finali giocate, 10 vinte. Soltanto 2 sconfitte in tutta la carriera, quella famosissima contro Robin Soderling nel 2009, e quella contro Novak Djokovic nel 2015.

La partita ha avuto storia soltanto nei primi 4 giochi. Nadal non ha iniziato benissimo, un po’ insicuro soprattutto con il dritto, ha concesso una palla break all’inizio ed ha fatto fatica a prendere vantaggio, nonostante numerose palle break, ben 5 nei primi 2 game di risposta. Dopo i primi quattro giochi, però, tutto è cambiato. Il mancino di Manacor si è sbloccato, strappando il servizio all’avversario e infilando sette game consecutivi: una doccia fredda per Wawrinka che ha subito il colpo e in un batter d’occhio si è trovato sotto 6-2 3-0. Difficile, quasi impossibile pensare di rimontare due set a Nadal sul Philippe Chatrier, campo che Rafa conosce meglio di casa sua.

L’elvetico ha provato in qualche modo a rimanere aggrappato al match, ma l’esito è stato negativo. Nel terzo periodo strada in discesa per Nadal che ha chiuso addirittura 6-1 prima di alzare le braccia al cielo.

Un trionfo che vuol dire tanto: dieci Roland Garros, quindici Slam in carriera e la conferma, se mai qualcuno avesse avuto ancora qualche dubbio, di essere il giocatore più forte sulla terra battuta che il tennis abbia mai visto.

«Posso vincere ogni torneo, ma qui a Parigi è diverso. Dieci volte ho potuto sentire la magia del Roland Garros. Sono felicissimo. È stata una giornata molto importante per me. Dopo un periodo difficile a causa degli infortuni, è stato fantastico aver vinto di nuovo questo titolo. Ho lavorato duro per arrivarci» queste le dichiarazioni di Nadal in conferenza stampa.

Ti potrebbe interessare

Milan Club Polonia, 300km per contestare Donnarumma

Astrid Ericsson, la modella che gioca a calcio meglio di te!

Birra intitolata al tifoso del Millwall che ha sventato l’attacco terroristico

Frode Fiscale: Cristiano Ronaldo, Mendes e Real Madrid, di chi è la colpa?

Champions League: Sky è pronta a “soffiarla” a Mediaset

UEFA: annunciati cinque nuovi premi e un premio alla carriera per Totti