kathrine-switzer
 

Tempo di Lettura: 6 minuti

Le donne non potevano correre la maratona perché ‘il loro corpo non è in grado di correrla’. Kathrine Switzer non era d’accordo e, nel 1967, si iscrisse alla maratona di Boston senza rivelare il proprio genere, si presentò alla partenza, si mise il rossetto e iniziò a correre. Provarono a fermarla: quel signore con la giacca in foto, uno degli organizzatori, le si gettò addosso violentemente per portarla via dalla gara, mentre il fidanzato insieme a un amico della maratoneta la aiutarono a liberarsi. Tagliò il traguardo, confermò che aveva ragione lei e le cose iniziarono a cambiare. Proseguiamo la sua corsa.”

Filippo Rossi, giornalista e scrittore

Nel 1967, Kathrine Switzer ha fatto la storia diventando la prima donna a correre la maratona di Boston con un numero di gara ufficiale. Lo ha fatto nonostante gli sforzi del direttore di gara per rimuoverla dal percorso. Switzer è diventata una crociata per lo sport femminile, giornalista, autrice e opinionista televisiva. Ha vinto la maratona di New York del 1974 e ha guidato lo sforzo per includere la maratona femminile nell’evento olimpico.

© runnersworld.com

Il potere della corsa

Figlia di un maggiore dell’esercito degli Stati Uniti, è nata il 5 gennaio 1947 ad Amberg, in Germania. Si trasferì negli Stati Uniti con la sua famiglia nel 1949 ed è cresciuta nella contea di Fairfax, in Virginia, dove ha scoperto lo sport da adolescente. Oltre a giocare a hockey su prato e basket, ha corso per un miglio ogni giorno, assaporando la forma fisica e il senso di autorità che ha guadagnato dalla corsa.

Ha iniziato a correre su pista mentre frequentava il Lynchburg College e ha gareggiato nella manciata di eventi a breve distanza disponibili per le donne in quel momento. Si è trasferita alla Syracuse University nel 1966 e ha iniziato ad allenarsi con la squadra di sci di fondo maschile e ad affrontare distanze più lunghe. Durante questo periodo, la Switzer decise di correre la maratona di Boston. Poiché non c’era nulla nel regolamento ufficiale che proibisse alle donne di entrare, si iscrisse alla gara del 1967. Ha usato il nome “K. V. Switzer”, così firmava sempre le sue opere.

L’atleta svizzera indossò il pettorale numero 261 il 19 aprile 1967, il giorno nevoso in cui ha cambiato il volto dell’atletica femminile. Entrando, la studentessa di giornalismo di soli 20 anni non aveva alcuna intenzione di fare una protesta politica. Era semplicemente un’appassionata di corsa che cercava di finire una gara famosa, ed è rimasta sbalordita da quello che è successo a circa quattro miglia dall’inizio della corsa. “Esci dalla mia gara e dammi quei numeri!” Semple (l’organizzatore della corsa ndr) ha urlato, e se non fosse stato per la difesa del fidanzato della Switzer, Tom Miller, un uomo che ha sposato (e da cui ha anche in seguito divorziato), il direttore di gara avrebbe potuto strapparle il pettorale dalla felpa. L’atleta svizzera scossa dall’accaduto, riuscì comunque a finire la gara e, all’indomani dell’incidente molto pubblicizzato, ha deciso di aiutare altre atlete a cui erano state negate queste opportunità.

Lasciare il segno

La maratona di Boston iniziò finalmente ad accettare anche atlete nel 1972 e tre anni dopo, la Switzer si classificò seconda alla gara con un tempo di 2:51:37, il suo record personale. Nel 1977, ha creato l’Avon International Running Circuit, una serie mondiale di gare femminili che ha aperto la strada alle donne nella maratona. La Switzer ha anche partecipato indirettamente alle Olimpiadi del 1984, commentando la gara inaugurale, tenutasi a Los Angeles, per la rete televisiva ABC, cosa le ha favorita una carriera televisiva passata tra tutte le principali reti televisive. Nel 1997 ha pubblicato il suo primo libro, Running and Walking for Women over 40, e nel 2007 è tornata con il libro di memorie Marathon Woman.

Ancora una runner attiva, nel 2017 ha affrontato la maratona di Boston, per il 50° anniversario della sua storica corsa inaugurale. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti, tra cui la New York State Regents Medal of Excellence e il Billie Jean King Award della Women’s Sports Foundation. È membro della National Distance Running Hall of Fame e della National Women’s Hall of Fame. Nel 2003, NYRR le ha conferito l’Abebe Bikila Award in riconoscimento del suo contributo alla corsa.

Ha anche un sito personale (kathrineswitzer.com) da cui è facile persino contattarla.

Momenti salienti della carriera:

  • 1967 Diventa la prima donna a partecipare e terminare ufficialmente la maratona di Boston
  • 1974 vince la maratona di New York
  • 1975 Fa un record personale di 2:51 alla maratona di Boston, diventando sesta al mondo e terza negli Stati Uniti tra le maratonete femminili
  • 1977 Inizia un periodo di nove anni come direttore di Avon Sports Programs
  • 1984 Commenta in televisione la maratona olimpica femminile inaugurale a Los Angeles
  • 1997 Ritorna in Avon come direttrice del programma di Avon Running Global Women’s Circuit
  • 1997 Pubblica il primo libro, Running and Walking for Women Over 40
  • 1998 Nominata come uno dei cinque candidati inaugurali nella National Distance Running Hall of Fame
  • 2000 riceve il premio Fred Lebow dal Road Runners Club of America
  • 2002 Diventa direttore della salute e fitness delle donne per l’iniziativa Take Fitness to Heart di RYKA, una serie di eventi di camminata e corsa
  • 2003 riceve il premio Abebe Bikila del NYRR
  • 2007 pubblica il libro di memorie, Marathon Woman
  • 2008 Marathon Woman, vince il “Billie Award” della Women’s Sports Foundation
  • 2011 Inserito nella National Women’s Hall of Fame
  • 2012 nominato “Eroe della corsa” dalla rivista Runner’s World
 
 

Tempo di Lettura: 6 minuti

 

Leggi Anche

Loading...