tennis
 

La tedesca, numero 82 al mondo, supera in tre set la ceca Krystina Pliskova

Ricordate Mona Barthel? La tedesca è tornata alla ribalta grazie ad un successo di prestigio, il suo quarto in carriera in un singolare del circuito Wta.

A Praga la racchetta classe 1990 vince sorprendendo anche gli addetti alle scommesse e gli stessi bookmakers. Torna così padrona la Barthel che spazza via (si fa per dire) la ceca padrona di casa Krystina Pliskova.

Per la nuova regina di Praga, nata a Bad Segeberg, piccolo paesino nella Germania del Nord, 27 anni fa vi è una curiosità. Nel giro di soli quattro anni (tra il 2013 e il 2017) la racchetta tedesca è caduta dalla posizione numero 23 fino alla 82 attuale.

Questo di Praga è il suo quarto torneo Wta conquistato in carriera: in precedenza Mona aveva trionfato in Australia, Francia e Svezia.

La sua “prima volta” arrivò nel gennaio 2012 sul cemento australiano di Hobart. L’allora neanche 22enne riuscì a superare la belga Wickmayer con un perentorio 6/1 6/2 che non lasciò scampo all’avversaria.

A Parigi conquistò il Grande Slam nel febbraio nell’anno successivo sulla nostra Sara Errani con un combattuto 7/5 7/6. Il terzo e ultimo successo (fino ad oggi) della tedesca arrivò sulla terra rossa svedese di Bastad grazie al trionfo contro la sudafricana Scheepers per 6/3 7/6.

Curiosità come le vittorie di Mona Barthel sono in equilibrio tra terra rossa e cemento (2-2).

La racchetta tedesca a Praga ha dovuto sudare non poche camicie contro la padrona di casa Krystina Pliskova. La ceca si regala il primo set conquistando ben due break decisivi e regalandosi un 2/6 senza particolari patemi. La Barthel è coriacea e in questo Wta Praga non molla mai un centimetro.

La reazione c’è. Nel secondo set, decisivo il break per portare via il 7/5 e intavolare il definitivo 6/2 del terzo.

La coppa è alzata, la Barthel è tornata.

 
 
 

Ultime dalla Piazzetta

La beluga che gioca a Rugby? Non è una storia di amicizia…

Chelsea Werner, la ginnasta con sindrome di Down diventata modella

Jordi Alba, “il padre lo porta agli allenamenti”

Pelé: “Mille goal 50 anni fa, vorrei vedermi oggi…”

Via i Prodotti Nike da Amazon: “Abbiamo deciso di terminare il progetto pilota con Amazon Retail”

Tutte le novità in vista sulla riforma del lavoro sportivo in Italia

Loading...

Commenti

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *