juventus nuovo logo
 

Tempo di Lettura: 2 minuti

Tutto ha inizio col primo straniero al club…

Sono passati ormai centoquattordici anni da quando la Juventus ha indossato per la prima volta la sua tipica casacca con le strisce bianche e nere con orgoglio, e tutto grazie a un certo Tom Gordon Savage.

Savage fu un arbitro, allenatore e calciatore (tutto in pratica), ed il primo straniero in assoluto della Juventus.

Era noto anche come Jim o John. Durante il suo soggiorno italiano gli venne attribuita il titolo di marchese, di dubbia certezza, visto che nessun titolo nobiliare risulta per lui dagli archivi inglesi (censimenti e registri anagrafici).

Nel 1903 Savage, nativo di Nottingham, portò a Torino i colori tradizionali del Notts County, dando così origine all’identità inconfondibile del club italiano e in effetti anche al proprio soprannome, i bianconeri.

Per commemorare il 66° anniversario dell’acquisto di Savage da parte della Juventus, due dei suoi discendenti e un gruppo ultras del Notts County hanno visitato qualche domenica fa il museo del club della famiglia Agnelli (all’interno dello Jstadium) con una maglia ufficiale dell’ex bandiera inglese e una lettera firmata dal loro presidente.

 

Foto da Juventus.com

 

L’evento è stato anche un’opportunità per i fans del club inglese, che all’epoca parteciparono anche all’inaugurazione dello Juventus Stadium con una partita amichevole nel non tanto lontano 2011, per incontrare e conoscere i vari Juventus Club ufficiali affiliati al club torinese che si trovano in Italia e a Londra.

Fonti: Wikipedia, sito ufficiale Juventus

 
 

Tempo di Lettura: 2 minuti

 

Ultime dalla Piazzetta

Pallavolo: stilato il protocollo per il ritorno della Serie A

L’uomo che ha scritto l’inno della Champions League

Marcelo e altri campioni che hanno scelto un orologio Casio

Il film hard sui Mondiali di Cicciolina e Moana Pozzi

Il Ministro Spadafora e il pubblico negli stadi, ecco quando si ritornerà a tifare

Serie D, presunta combine tra Picerno e Bitonto

Loading...

Commenti

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *