napoli genoa
 

Come nasce il gemellaggio tra Genoa e Napoli

Il gemellaggio più longevo d’Italia, e che continua ancora oggi, tra due delle tifoserie più calorose dello stivale nasce negli anni ’80, precisamente nella stagione 1981/1982, in uno storico scontro tra le due compagini che si concludeva con un pareggio.

Era il 16 maggio 1982 e il Napoli di Rino Marchesi ospitava al San Paolo un Genoa che lottava per una salvezza, poi arrivata a scapito del Milan, mentre gli azzurri, grazie a quella partita, conclusero la stagione al 4° posto (con 35 punti ndr) riuscendo a qualificarsi per la Coppa UEFA.

Il Grifone aveva bisogno di un punto per non retrocedere in Serie B, e aveva disputato un campionato non brillante, proprio come Milan di Italo Galbiati, che all’ultimo turno di campionato era costretto non solo a battere il Cesena ma anche a sperare nella sconfitta del Genoa o del Cagliari per garantirsi la permanenza nella massima serie.

A soli due minuti dal fischio di inizio Briaschi porta in vantaggio i rossoblu mentre la diretta concorrente, il Milan, annaspava a Cesena dove addirittura perdeva 2 a 0 durante i primi 45 minuti di gioco.

Nel secondo tempo i goal di Criscimanni e Musella ribaltano la situazione e gli azzurri si trovano in vantaggio, a condurre la partita sul 2-1. Nel frattempo, però, da Cesena arrivano cattive notizie per il Genoa, anche il Milan, infatti, era riuscito a ribaltare la situazione grazie ai goal dello “Squalo” Jordan, Ciccio Romano e Roberto Antonelli. Di colpo la speranza tornò ad alimentare i sogni rossoneri.

Negli ultimi minuti, però, il popolo di Fuorigrotta iniziò a chiedere a gran voce il pareggio del Genoa, proprio per relegare in Serie B gli odiatissimi e acerrimi nemici del Milan.

Il pubblico del San Paolo fu “accontentato”, e a pochi minuti dalla fine il portiere azzurro Castellini fece un errore clamoroso regalando un calcio d’angolo agli ospiti che Faccenda (tra l’altro ischitano ndr), al minuto 86, trasforma nel definitivo 2-2.

Al fischio finale l’arena di Fuorigrotta fu scosso da un tremendo impeto di festa, il Diavolo era stato finalmente spedito all’inferno, mentre Napoli e Genoa, invece, si stringevano un’amicizia fraterna sorretta anche dalle parole dell’allora dottore sociale del Genoa Piuerluigi Gatto: “Grazie di cuore a Napoli perché ha tifato per noi, è un gesto che non dimenticheremo mai”.
 

 
Ci sono state poi altre occasioni in cui si è sancito il gemellaggio non solo tra le due tifoserie, ma anche tra i rispettivi club, oltre che le squadre in campo. Un esempio su tutti è un’altra ultima giornata, quella della Serie B più bella che sia stata mai giocata, correva la stagione 2006/2007, e a vincerla fu la Juventus post Calciopoli di Buffon, Del Piero e Trezeguet.

L’ultimo turno era proprio tra il Grifone e Napoli e stavolta si giocava a Genova. Per essere matematicamente promosse in Serie A, c’era bisogno che la terza in classifica (il Genoa ndr) avesse almeno 10 punti di distacco rispetto alla quarta. La partita si mantenne sullo 0-0 per tutto il tempo, e alla fine terminò così. Il pareggio bastò e le due squadre ritornarono finalmente nella massima serie.

 

Ti potrebbe interessare

Cosa pensa Neymar su Messi e CR7?

Un 67enne combatte il suo ultimo combattimento di Muay Thai

EA FIFA Leaks: secondo dei documenti potrebbe essere truccato…

Dall’Inghilterra: Sturridge ha scommesso sul suo trasferimento all’Inter

La routine di Saul Canelo Alvarez: allenamento e dieta

Legge di Bilancio 2019: come cambiano il CONI e la Serie A