UFC
 

Tempo di Lettura: 6 minuti

La UFC in scena con mascherine e a porte chiuse

UFC Jacksonville
© nyt.com


Lo scorso sabato sera, in un’arena quasi vuota a Jacksonville, in Florida, la U.F.C. 249 ha reso le arti marziali miste il primo grande sport al mondo a tornare da un arresto del settore nel bel mezzo della pandemia da Covid-19.

Naturalmente, il presidente della U.F.C., Dana White, avrebbe preferito non prendersi affatto una pausa, anche se la rapida diffusione del virus ha chiuso gli eventi sportivi a livello internazionale. Invece White era impegnato nella preparazione della U.F.C. 249, del 18 aprile, che prevedeva un leggero matchup a Brooklyn tra il russo Khabib Nurmagomedov e l’americano Tony Ferguson, match in preparazione da anni.

Quando la Commissione atletica dello Stato di New York ha bocciato l’evento, la U.F.C. non si è data per vinta e ha continuato nel non voler cancellare la data. Neanche quando Nurmagomedov, il campione dei pesi leggeri dell’U.F.C., incapace di lasciare il suo Daghestan (Repubblica della Federazione Russa, al lato della Georgia; n.d.a.) a causa delle restrizioni di viaggio legate alla pandemia. È stato sostituito da Justin Gaethje.

Alla fine si è dovuto arrendere, ed a rimandare l’evento. Poi una prima risposta positiva è arrivata dalla Florida, dove il governatore Ron DeSantis ha dichiarato che lo sport pro è un settore essenziale, e proprio mentre emetteva un ordine di lockdown, il mese scorso.

L’evento a porte chiuse in programma nella notte a Jacksonville (Florida) si è tenuto con 10 incontri sugli 11 previsti disputati. La U.F.C. prevede di mettere in scena altre due serate di combattimenti a Jacksonville in questa settimana dopo l’inizio della serie sabato con U.F.C. 249.

Un caso di Covid-19 nella UFC

Il Presidente White pensa sia stato un successo, e lo share ricevuto gli da più che ragione, ma sembra comunque essersi rivelato dannoso per la salute pubblica. Venerdì sera, alcuni funzionari della U.F.C. hanno riferito che uno dei loro combattenti, Ronaldo Souza è risultato positivo al coronavirus all’inizio della giornata, un peso medio brasiliano soprannominato Jacare, il cui match è stato ovviamente cancellato. The U.F.C. ha dichiarato in una dichiarazione che anche due “cornermen” (uomini all’angolo; n.d.a.) di Souza si sono dimostrati positivi al virus.

Souza, che non mostrava sintomi, ha detto alla società di promozione quando è arrivato a Jacksonville mercoledì che uno dei suoi parenti avrebbe potuto avere il virus.

Dove vedere la UFC?

Senza concorrenza dalla Major League Baseball o dai playoff di hockey e basket, e in un momento storico dove il calcio si gioca solo in Bielorussia, la U.F.C. ha fatto una bella incetta di pubblico, soprattutto negli States. In Italia i diritti tv della UFC sono detenuti da Dazn, unica piattaforma su cui sarà possibile vedere le prossima fight-night.

Programma di Maggio della UFC

La prossima sarà nella notte tra mercoledì 13 maggio e giovedì 14 maggio.

UFC Fight Night – 13 Maggio 2020 – VyStar Veterans Memorial Arena, Jacksonville, Florida

  • Anthony Smith vs. Glover Teixeira
  • Ben Rothwell vs. Ovince Saint Preux
  • Alexander Hernandez vs. Drew Dober
  • Ray Borg vs. Ricky Simon
  • Karl Roberson vs. Marvin Vettori

UFC Fight Night – 16 Maggio 2020 – VyStar Veterans Memorial Arena, Jacksonville, Florida

  • Alistair Overeem vs. Walt Harris
  • Claudia Gadelha vs. Angela Hill
  • Edson Barboza vs. Dan Ige
  • Eryk Anders vs. Krzysztof Jotko
  • Song Yadong vs. Marlon Vera

UFC Fight Night – 23 Maggio 2020 – UFC APEX, Las Vegas

  • Tyron Woodley vs. Gilbert Burns
  • Klidson Abreu vs. Jamahal Hill
  • Mackenzie Dern vs. Hannah Cifers
  • Klidson Abreu vs. Jamahal Hill
 
 

Tempo di Lettura: 6 minuti

 

Ultime dalla Piazzetta

Marcelo e altri campioni che hanno scelto un orologio Casio

Il film hard sui Mondiali di Cicciolina e Moana Pozzi

Il Ministro Spadafora e il pubblico negli stadi, ecco quando si ritornerà a tifare

Serie D, presunta combine tra Picerno e Bitonto

NFL: il nuovo rivoluzionario casco anti-covid

Rivelazione di Cristiano Ronaldo: «Senza dubbio il titolo più importante della mia carriera!»

Loading...