olimpiadi
 

Tempo di Lettura: 4 minuti

Novantuno atleti britannici, provenienti da otto sport olimpici, sarebbero stati usati come cavie in un progetto sportivo iniziato nell’ottobre 2011, nove mesi prima delle Olimpiadi di Londra, secondo un’indagine giornalistica del Mail on Sunday. Il rapporto afferma che gli atleti hanno ricevuto un drink chiamato “Delta G“, che era ancora in fase sperimentale, copiato da una incarico dell’esercito degli Stati Uniti all’Università di Oxford anni fa, a base di chetoni esogeni, la cui assunzione ora sta esplodendo, e che diventerebbe un’altra fonte di energia a cui rivolgersi, oltre al glicogeno – carboidrati e grassi, e che ritarderebbe la comparsa di acido lattico.

Poiché si trattava di un prodotto sperimentale, senza completare la quarta fase in cui il farmaco è può essere lanciato sul mercato, i risultati secondari erano sconosciuti. Apparentemente il 40% è finito con dolore e vomito gastrointestinali, che hanno portato 28 atleti a smettere di prenderlo. Lo UK Sport, il massimo responsabile dello sport britannico e che sarebbe responsabile di questa operazione, si è consultato con l’Agenzia mondiale antidoping e la sua controparte britannica, e la risposta è stata che il chetone non era proibito, ma che si riservava il diritto di rivedere la posizione in seguito.

Gli atleti coinvolti nel progetto dovevano firmare un accordo di riservatezza e assumersi la loro colpa nel caso in cui fossero risultati positivi durante le Olimpiadi. Allo stesso tempo, è stato sviluppato un piano di comunicazione in modo che, in caso di perdite, si potesse rispondere che lo sport britannico era molto più avanti rispetto agli altri concorrenti, dal punto di vista scientifico.

Il Delta G ha iniziato a essere commercializzato otto anni dopo e attualmente sta vivendo la febbre in alcuni forum sull’alimentazione: gli atleti, appartenenti a discipline come atletica, ciclismo, nuoto, hockey, vela e pentathlon moderno, tra gli altri, avrebbero ricevuto ulteriore aiuto tra l’uno e il due percento.

Lo studio sarebbe iniziato con i giocatori di rugby di Bath nel 2011 e UK Sport avrebbe investito poco meno di 400.000 € nel progetto. La Oxforfd University aveva già ricevuto 10 milioni di dollari dall’esercito americano per svilupparlo anni fa per fornirlo ai suoi soldati. Il rapporto, a cui il giornale aveva accesso, 14 pagine, riportava che lo UK Sport stava negoziando un accordo esclusivo con Oxford, in cui il centro di ricerca ha confermato di avere solo il corpo d’élite dell’esercito americano come “clienti”. Il passo successivo è stato l’uso della sostanza per gli atleti olimpici e paralimpici, ad un costo di circa 600.000 euro in più. Kieran Clarke, la professoressa di Oxford responsabile della ricerca, ha riferito al tabloid inglese che non era a conoscenza del fatto che fosse stata applicata agli olimpici in preparazione o durante i Giochi.

UK Sport, nel frattempo, sostiene che l’intero studio ha ricevuto l’approvazione dalle autorità mediche e antidoping competenti e che in nessun momento gli atleti sono stati costretti a sottomettersi. La Gran Bretagna, organizzatore dei Giochi del 2012, è passata da 19 medaglie d’oro a Pechino 2008 a 29, il suo massimo storico in oltre 100 anni. Di fronte al trambusto, UK Sport ha dichiarato che “non cercheremo mai medaglie a tutti i costi“. Cosa difficile da credere quando si cerca di migliorare le prestazione atletiche quando si spendono cifre a sei zeri.

 
 

Tempo di Lettura: 4 minuti

 

Ultime dalla Piazzetta

Marcelo e altri campioni che hanno scelto un orologio Casio

Il film hard sui Mondiali di Cicciolina e Moana Pozzi

Il Ministro Spadafora e il pubblico negli stadi, ecco quando si ritornerà a tifare

Serie D, presunta combine tra Picerno e Bitonto

NFL: il nuovo rivoluzionario casco anti-covid

Rivelazione di Cristiano Ronaldo: «Senza dubbio il titolo più importante della mia carriera!»

Loading...