maradona
 

La leggenda argentina Diego Maradona insiste sull’allenatore del Manchester United: José Mourinho è il miglior allenatore del calcio al mondo, e non quello del Manchester City, Pep Guardiola.

I due sono stati a lungo accredidati come due dei migliori allenatori del pianeta ed entrambi vantano straordinari curricula carichi di medaglie vincenti in una serie di club.

Mourinho ha vinto la Champions League con l’FC Porto e l’Inter, oltre i vari titoli in Portogallo, Inghilterra, Italia e Spagna. Guardiola, nel frattempo, ha condotto, nel periodo di maggior successo nell’illustre storia dell’FC Barcelona, ​​aggiudicandosi 14 onori in quattro anni con il club catalano.

La rivalità tra i due è cresciuta mentre allenavano rispettivamente il Real Madrid e il Barcellona e si sono riaccesi quando Guardiola si è trasferito poi in Premier League per prendere in mano le redini del Manchester City, nel 2016.

La carriera di allenatore di Maradona non ha raggiunto il culmine né di Mourinho né di Guardiola, essendo ora allenatore di una squadra di Serie B messicana, Dorados de Sinaloa, dopo aver allenato la nazionale argentina, e i club arabi dell’Al Wasl e Fujairah dal 2008.

Mou Guardiola
© sportal.it

Parlando al quotidiano spagnolo Marca sulla possibilità di allenare in Spagna in futuro, Maradona ha dichiarato: “Io come allenatore ho bisogno di imparare molto e per questo motivo penso che andrò a Manchester da Mourinho per chiedergli molte cose“.

Alla domanda sul perché abbia scelto Mourinho, il 58enne ha risposto: “Perché è senza dubbio il migliore“.

Per me sì, Mou è il migliore” – ha continuato el Pibe – “Darei a Pep il merito di approfittare dello slancio che Johan Cruyff gli ha dato: in più di un’occasione ho detto che il tiki-taka non è stato inventato da Guardiola. […] É stato ‘el flaco’ Cruyff, al momento Pep è in grado di scegliere qualsiasi giocatore che vuole, in questo modo tiki-taka è più facile.

Anche se tecnicamente non è proprio così, anche Mourinho negli ultimi anni a Manchester ha potuto godere di giocatori stra-pagati e stra-voluti da ogni allenatore del pianeta. A livello tecnico-tattico-economico a Manchester (tanto sponda citizens quanto sponda red devils) nelle ultime stagioni non si sono fatti mancare nulla.

La differenza probabilmente tra i due (Mou e Guardiola) sta semplicemente nell’utilizzo delle “risorse” e nella filosofia di gioco, probabilmente Diego nonostante dovesse essere partitario del bel gioco, preferisce il pragmatismo dell’allenatore lusitano.

 

Ti potrebbe interessare

Cosa pensa Neymar su Messi e CR7?

Un 67enne combatte il suo ultimo combattimento di Muay Thai

EA FIFA Leaks: secondo dei documenti potrebbe essere truccato…

Dall’Inghilterra: Sturridge ha scommesso sul suo trasferimento all’Inter

La routine di Saul Canelo Alvarez: allenamento e dieta

Legge di Bilancio 2019: come cambiano il CONI e la Serie A