fc barcelona
 

Intervista a Messi del quotidiano spagnolo Marca

In un’intervista a 360° di Marca, Lionel Messi parla anche dell’ex fuoriclasse del Real Madrid, ed ora in forza alla Juventus, Cristiano Ronaldo. Alla domanda “Ne senti la mancanza?”, risponde con un sorridente “No che non mi manca!” salvo poi rimarcare come sia “stato bello vivere quest’epoca insieme. Eravamo nello stesso campionato e cercare di vincere ognuno con la sua squadra è stato bello. Cristiano è stato un grande giocatore per la Liga e per il Real Madrid. Quei duelli sono stati molto belli, ma io punto sempre a vincere con la mia squadra“. Il campione argentino ci tiene a precisare di quanto la loro sia una “rivalità sana“.

Poi parla della famiglia, di come sia sempre al primo posto, e di vari personaggi tra calciatori e allenatori che hanno contraddistinto la sua carriere, in particolare modo di Guardiola: “Mi piacerebbe lavorare ancora con Guardiola. È uno dei migliori allenatori al Mondo. Ecco perché mi piacerebbe, ma ti dico che lo vedo complicato“.

Poi del modulo di Valverde, con qualche difetto in fase difensiva, della Masia (settore giovanile ndr) fiore all’occhiello del FC Barcelona, di Iniesta, di Dembelé che “tornerà ad essere quello che tutti amano” e di Neymar: “Sarei felice se tornasse. […] Ovviamente il PSG non lo lascerà andare facilmente“.

Messi sul VAR. Si sbilancia anche su un pensiero positivo sul VAR: “All’inizio non lo vedevo, ma ora devo dire che è molto buono per la Liga e il calcio“.

Messi sul pallone d’oro. Ovviamente non vedere né lui né CR7 a contendersi il pallone d’oro dopo dieci anni è stato epocale, e molto più per i tifosi che per il numero 10 blaugrana: “è sicuramente un premio prestigioso, ma sapevo che quest’anno non avrei potuto vincerlo. […] Non mi ha colto di sorpresa perché non mi aspettavo nulla comunque!“.

E dopo aver fatto mille complimenti alla competizione che sembra essere la sua preferita, la Champions League: “è una competizione unica, speciale, per me la più bella che ho giocato”,  chiarisce le intenzioni del Barcellona di vincerla nuovamente.

Poi risponde anche alla provocazione del lusitano, cioè continuare in un altro campionato la loro rivalità: “Cristiano Ronaldo mi ha invitato in Serie A? Non ho bisogno di cambiare, sono nella miglior squadra del mondo e le mie sfide si rinnovano anno dopo anno. Non ho bisogno di cambiare squadra o campionato per fissarmi nuovi obiettivi. Sono a casa, nel miglior club del mondo e proprio per questo non ho bisogno di cambiare“.

Vedi le statistiche di Messi contro Ronaldo.

Qui i video dell’intervista a Leo Messi:

 

Ultime dalla Piazzetta

Europeo U21: Rocco Hunt autore della canzone dell’evento “Benvenuti in Italy”

Mauro Zárate segna contro il club di cui è socio, espulso dal CdA

Il motivo per cui Maradona non era a Cannes per il suo docu-film

HECTOR CUPER: l’eterno secondo

La procura della Federcalcio è nel mirino della magistratura ordinaria

Perché l’arbitro ammonisce l’esultanza senza maglia?

Commenti

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *