pallone calcio
 

Il brasiliano stava discutendo sui giocatori che ammira e le sue influenze nello sport in un’intervista al “The Players’ Tribune“, intervista tra l’altro fatta al fianco della star dell’NBA e del playground dei Golden State Warriors, Stephen Curry.

Tutti ricordiamo la cifra monstre con la quale si è trasferito al suo attuale club, il Paris Saint-Germain, dimenticandoci dei giorni passati al lato de “la Pulga”, sua fonte d’ispirazione. Infatti, Neymar parla della sua ambizione di raggiungere un giorno il livello dell’argentino, ma soprattutto afferma che giocare al fianco di Messi a Barcellona lo ha reso un giocatore migliore.

Ho giocato con Messi che è, per me, uno dei più grandi calciatori di tutti i tempi, ed è il mio idolo nel calcio“, ha precisato in un passo dell’intervista.

Con Messi, imparavo ogni giorno, durante gli allenamenti, o giocando con lui, o semplicemente guardandolo giocare, e questo mi ha reso più forte e ha aumentato le mia capacità sul campo perché ho imparato molto da lui“.

Si sbilancia anche sul dualismo tra Messi e Ronaldo, che tra l’altro potrebbero essere potenziali avversari di Neymar e il suo PSG in Champions League, anche se data la situazione di stallo nel girone di ferro tra Napoli, PSG e Liverpool, tutto è ancora da definire.

Per quanto riguarda Cristiano Ronaldo, è un mostro“, ha aggiunto. “Affrontarlo è un piacere e un onore, ma dobbiamo essere più preparati: è uno dei più grandi del calcio, quindi devi essere più intelligente, più attento, ma allo stesso tempo impari comunque molto.

Poi chiude con un pensiero ad entrambe gli atleti: “Sono due dei ragazzi più grandi con cui mi possa relazionare, perché voglio imparare, voglio di più, voglio vincere, voglio più trofei, segnare più gol, quindi continuo a imparare da loro ogni giorno“.

Neymar in sostanza descrive l’attaccante del Barcelona, Lionel Messi, come la sua “icona”, la sua fonte d’ispirazione mentre etichetta la attuale stella della Juventus, Cristiano Ronaldo, semplicemente un “mostro”.

 

Ultime dalla Piazzetta

Europeo U21: Rocco Hunt autore della canzone dell’evento “Benvenuti in Italy”

Mauro Zárate segna contro il club di cui è socio, espulso dal CdA

Il motivo per cui Maradona non era a Cannes per il suo docu-film

HECTOR CUPER: l’eterno secondo

La procura della Federcalcio è nel mirino della magistratura ordinaria

Perché l’arbitro ammonisce l’esultanza senza maglia?

Commenti

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *