pallone calcio
 

Ha solo otto anni, ma ha le idee ben chiare: vuole un album di figurine anche per il calcio femminile, e per questo ha scritto una lettera direttamente a chi le figurine le produce da sempre, la Panini.

Pensavo che se tiri fuori un album di calcio femminile ci saranno più ragazze come me che saranno incoraggiate a raccogliere le figurine e così le ragazze diventeranno famose come i ragazzi. […] Ragazze al potere!“.

© Ellas.Football

Nuria Cebrián Bernabe, infatti, è una grande tifosa di calcio femminile, in particolare del Levante, seguitissimo team ‘rosa’ della più famosa squadra maschile, che milita nella Primera División della Liga de Fútbol Femenino, conosciuta ai più anche anche come Liga Iberdrola.

Per questo vorrebbe avere la possibilità di collezionare le figurine delle sue calciatrici preferite, e non solo quelle del Levante. A spronare la piccola tifosa c’è sua madre, Pilar Barnaba, che ha postato la lettera della figlia sui social network. Anche lei pensa che sia ingiusto trovare figurine solo dei giocatori, e non delle giocatrici. E non è la prima madre spagnola a muoversi in questo senso: María Vázquez, una donna di Extremadura, creò la collezione di figurine complete per le sue figlie, plastificando le foto delle giocatrici.

In un mondo in cui c’è ancora chi pensa che il calcio sia uno sport prettamente maschile, poter sfoderare un album di calciatrici sarebbe davvero molto utile per demolire i retaggi sessisti e iniziare a dichiarare una parità di sesso che negli sport sembra ancora utopia. E se ci fosse quell’album al femminile, Nuria lo direbbe alle sue amiche e “invece di collezionare adesivi delle bambole LOL Surprise, lo farebbero con le ragazze del calcio”.

L’unica nota dolente è che la Panini non ha ancora risposto alla lettera della bambina.

Fonte: Ellas.Football

 
 
 

Ultime dalla Piazzetta

Pelé: “Mille goal 50 anni fa, vorrei vedermi oggi…”

Via i Prodotti Nike da Amazon: “Abbiamo deciso di terminare il progetto pilota con Amazon Retail”

Tutte le novità in vista sulla riforma del lavoro sportivo in Italia

Djokovic apre un ristorante vegano per… amore!

Eto’o: “Voglio essere il primo allenatore di colore a vincere la Champions League”

Nate Diaz paga l’affitto a un ragazzo che aveva scommesso su di lui

Loading...

Commenti

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *