apple-watch
 

Tempo di Lettura: 3 minuti

Ormai ne esistono di tutti i tipi, e alcuni hanno anche un costo molto irrisorio (basta girare su Amazon per trovarli), ma l’Apple Watch è probabilmente il prodotto perfetto per tenere sotto controllo la nostra salute e monitorare i propri allenamenti. Sembra essere già in grado di essere indipendente dall’iPhone e può fare un elettrocardiogramma al polso, il prossimo passo dovrebbe essere quello di convincere le persone a fare esercizio e attività fisica.

La Apple in quanto a tecnologia e gusti delle persone sembra essere una pioniera e, stando a quanto riporta GQ Italia, proprio attraverso l’Apple Watch sta pensando di pagarci per andare in palestra . Grazie al programma Apple Watch Connected, gli utenti di alcune delle principali catene di palestre americane potranno accumulare sconti e buoni regalo se raggiungeranno determinati livelli di forma fisica. Sia chiaro, non parliamo di programmi alla Iron Man, ma di semplici step di crescita che è possibile raggiungere con i classici tre allenamenti a settimana.

Il programma Apple Watch Connected

A quanto pare bastano poche ore di allenamento per ricevere 15 euro di sconto sul tuo abbonamento in palestra o da riscattare su Amazon e sul sito Apple. Per aderire anch’esse, le palestre non dovranno fare nient’altro che aderire al programma, comprare macchinari abilitati con il Gymkit e il gioco è fatto. Gymkit è una piattaforma lanciata un paio d’anni fa da Apple con cui consente agli utenti di sincronizzare il proprio orologio ai macchinari stessi, semplicemente avvicinandoli tra di essi. L’azienda di Cupertino ha lavorato con i principali produttori (tra cui anche l’italiana Technogym) per integrare questo meccanismo nei loro tapis roulant, step e tante altre attrezzature cardio.  

Quali sono i premi?

A questo punto, ogni palestra deciderà i premi da assegnare e non si dovrà fare altro che caricare il programma di allenamento sullo smartwatch e cominciare a sudare per raggiungere gli obiettivi assegnati. Se fino a un anno fa, questo meccanismo di premi era abilitato soltanto in alcuni centri autorizzati, ora il programma è destinato ad estendersi a tutte le palestre degli Stati Uniti, per poi, potenzialmente, raggiungere anche il resto del mondo.

 
 

Tempo di Lettura: 3 minuti

 

Ultime dalla Piazzetta

Un giocatore su 3 ammette che perdere a FIFA gli rovina la giornata

La World Rugby rivede le linee guida sui Transgender: “la sicurezza e l’equità non possono attualmente essere garantite per le donne”

I numeri di Pjanic della scorsa partita di Champions

LND: concessione streaming sui social delle squadre per campionati Femminili e Regionali

Pallavolo: stilato il protocollo per il ritorno della Serie A

L’uomo che ha scritto l’inno della Champions League

Loading...