afa argentina
 

Tempo di Lettura: 2 minuti

Incredibilmente, uno dei pochi motivi per cui un argentino debba criticare Lionel Messi è solo perché non canta l’inno nazionale. Tuttavia, quel mistero è finito grazie a Tomás Chávez, un bambino che ha fatto da mascotte (i ragazzini che accompagnano i giocatori sul campo prima del fischio d’inizio ndr) a Messi nell’ultima partita della nazionale Argentina contro il Qatar.

Il ragazzino che ha stretto la mano di Messi nell’Arena del Gremio, ha rivelato qualcosa senza precedenti circa il 10 argentino: “E’ stato fantastico quando è venuto, un sentimento che mai più sarò in grado di sentire. Mi ha accarezzato e la sua mano era più grande della mia testa, ecco perché ha riso. L’ho abbracciato e gli ho raccontato un sacco di cose: che lo amo, che è il mio idolo, che avevo sempre desiderato conoscerlo e che non avevo mai avuto l’opportunità“.

Messi inno argentina
© mondiali.it

Il clou c’è stato però quando Tomás ha confessato: “Lui sta con la bocca chiusa e canticchia l’inno, è vero, non canta l’inno, ma lo canticchia dentro, l’ho sentito, poi ha rincuorato i compagni“. Per chiudere, Tomas ha poi ricordato: “È stata un’esperienza bellissima, non so come spiegare ciò che ho provato, è stato il massimo, un sogno realizzato“. Messi si prepara per una prova di fuoco nel torneo contro il Venezuela per un posto nelle semifinali di Coppa America.

 

Ultime dalla Piazzetta

Un giocatore su 3 ammette che perdere a FIFA gli rovina la giornata

La World Rugby rivede le linee guida sui Transgender: “la sicurezza e l’equità non possono attualmente essere garantite per le donne”

I numeri di Pjanic della scorsa partita di Champions

LND: concessione streaming sui social delle squadre per campionati Femminili e Regionali

Pallavolo: stilato il protocollo per il ritorno della Serie A

L’uomo che ha scritto l’inno della Champions League

Loading...

Commenti

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *