fc barcelona

Il Barcelona è uno dei club più grandi al mondo, e in quanto tale anche uno con più tifosi. La loro tifoseria potrebbe crescere ogni anno, ma sembra essere diventato sempre più difficile vedere una partita al Camp Nou.

La fortezza blaugrana vanta la più grande capacità di qualsiasi stadio europeo, con 99.354. Secondo a questo stadio ci sono templi del calcio quali: Wembley (90.000), Signal Iduna Park (anche Westfalenstadion, stadio del Borussia Dortmund – 81.359), Santiago Bernabéu (81.044) e il Luzhniki (Stadio del CSKA Mosca, 81006).

Negli ultimi tempi però il Barcellona fa fatica a riempirlo e a provare a rispondere a questa domanda è stato il canale YouTube “Tifo Football“.

Secondo loro i fattori incriminanti sono vari: dall’allarme terrorismo, che ha inciso anche su una decrescita del turismo in città, al caro prezzi. Ma andiamo per gradi, diamo prima qualche numero.

Nella stagione 2017/2018 l’affluenza media al Camp Nou è stata di 70.568, il 71% della capacità dello stadio, senza includere la partita casalinga contro il Las Palmas dell’1 ottobre 2017, giocata a porte chiuse per questioni di ordine pubblico per il referendum per l’indipendenza catalana.

Si tratta dell’affluenza più bassa registrata dalla stagione 2007/08, quando la squadra finì terza in campionato con soli 67 punti, eppure nella stagione scorsa il club ha vinto La Liga con 97 punti.

Dunque Tifo Football imputa questo calo a diversi fattori, in cui il terrorismo è uno di questi. Nell’agosto del 2017, ci fu un attentato su Las Ramblas, determinando un 13,9% di turisti in meno rispetto all’anno precedente, causando anche un diminuzione della vendita di biglietti.

La correlazione è apparsa chiara durante la prima partita in casa dopo l’attacco, contro il Betis Siviglia, dove si è registrata un’affluenza di soli 54.560.

Forse c’è meno appetito nel godere del calcio perché la gente è preoccupata da altre cose“, dirà in seguito il vice-presidente del club Jordi Cordoner.

Altro fattore incriminato dal canale YouTube è il caro prezzi. E potrebbe esserci del vero, dato che i prezzi per singola partita sono tra i più alti d’Europa. Infatti il prezzo per vedere i culés contro piccoli club in casa è mediamente di 39€ (come l’Alaves o il Deportivo la Coruña), e di 49€ per vederli contro club di medio/alta classifica.

Il prezzo più basso registrato nella scorsa stagione è di 29€, durante la partita di Coppa del Re contro il Valencia (50.959 ticket venduti), ma erano a tiratura molto limitata e gli altri posti avevano un costo che oscillava tra i 40 e i 60 euro. Considerando che durante quella partita il tempo non è stato un granché, il fatto che non ci sia stato il pienone può imputarsi alle cattive condizioni meteo. Il che ci porta ad un ulteriore fattore che avrebbe potuto incidere sul calo affluenza al Camp Nou: oltre 1/4 dello stadio è privo di copertura.

Un club come il nostro deve avere lo stadio migliore. La versione attuale è vecchia!” avrebbe esclamato il presidente Bartomeu. Ed ha ragione, numerosi sono i piani e le idee per rammodernare l’arena catalana (nuove coperture, più parcheggi, ampliamento delle tribune e delle coperture), ma ad oggi nulla di concreto è stato fatto.

Quale pensate possa essere la soluzione giusta per riportare le persone al Camp Nou?

Vi lasciamo il video denuncia originale in inglese.

Ti potrebbe interessare

Perché le tifoserie di Napoli e Genoa sono gemellate?

Dietrofront di Mayweather, non combatterà in MMA il 31 Dicembre

Floyd Mayweather combatterà in MMA… in Giappone!

Football Leaks, Fair play finanziario: accordo tra PSG e UEFA

Football Leaks: esiste già un accordo tra 16 società per la SuperLega

“El Clásico”, dove il fattore campo sembra non importare