Conor McGregor

All’ UFC 196 di questo fine settimana, il campione UFC piuma Conor McGregor si muove su due classi di peso per affrontare Nate Diaz.

Quest’idea di movimento a una nuova classe di peso è incredibilmente comune nel pugilato – uno su tutti, il pugile Manny Pacquiao che ha vinto titoli mondiali in sei categorie di peso diverse che vanno da 112 a 154 libbre.

Ma in MMA si tratta di un fenomeno molto raro, e ciò rende la mossa di McGregor ancora più intrigante.

Per avere un’idea di quanto sia rara, ecco uno sguardo ad ogni lottatore MMA che ha cambiato classi di peso mentre si tiene un titolo importante. Ai fini del presente articolo, i titoli più importanti sono stati definiti come UFC, Pride, Bellator, WEC, e Strikeforce.

Un‘ultima nota – quello che oggi chiamiamo dei pesi mediomassimi  e medi, per Pride vengono chiamati rispettivamente medi e welter.

 

I CASI PRECEDENTI…

 

Dan HendersonHendo è il gold standard qui: ha cambiato peso non una, ma due volte. In primo luogo, mentre era campione dei pesi medi Pride balzò ai pesi  leggeri per prendere la cintura di Wanderlei Silva.

Rimane a tutt’oggi l’unico l’unico a tenere titoli mondiali in due categorie di peso diverse contemporaneamente.

Nel caso in cui non era abbastanza, 4 anni dopo, mentre era il campione dei pesi massimi leggeri Strikeforce, si è mosso fino a pesi massimi, mettendo  KO il più grande di tutti i tempi nei pesimi massimi, Fedor Emelianenko. Molto impressionante Hendo.


Anderson Silva – Nel corso della sua leggendaria corsa ai pesi medi UFC battè l’ex campione del mondo Forrest Griffin in uno dei peggiori combattimenti  che si sia mai visto a quel livello di MMA.


B.J. Penn – Uno dei migliori esempi di  campione pronto a combattere in qualsiasi peso, Penn non è mai contento di sedersi semplicemente indietro e difendere la sua cintura.

Quando ha vinto il titolo welter UFC da Matt Hughes, ha prontamente lasciato l’UFC e gareggiato su tutta la scala, facendosi tutta la strada fino ai pesi massimi.

Anni dopo, ha vinto il titolo leggero UFC, e si è prontamente spostato fino a sfidare il campione UFC dei pesi welter Georges St. Pierre, perdendo l’incontro.


Jake Shields – Quando  lasciò Strikeforce era campione dei medi. Entrò nella UFC da welter, ha sconfitto Martin Kampmann, e sfidò Georges St. Pierre
per il titolo Welter, dove ha perso.


Gegard Mousasi – Passò dai pesi minimi ai massimi per una lotta al Dynamite!!, buttando giù il veterano Gary Goodridge in meno di 2 minuti prima di ritornare alle 205 lbs.


 
Joe Riggs – Riggs lasciò il WEC mentre era campione dei pesi medi, spostatosi nella UFC, scese ai welter. Ha vinto il suo debutto, poi ha perso quello che doveva essere una lotta per il titolo contro Matt Hughes, ma è diventato non-titolo quando Riggs non è riuscito a raggungere il peso.


James Irvin – Un altro campione del WEC. Irvin lasciò mentre era detentore del titolo dei pesi massimi, ed è passato alla UFC come pesi massimi leggeri. Ha avuto un esordio strepitoso, ma poi ha perso il suo secondo incontro contro Stephan Bonnar e subito dopo cominciò a saltare tra le varie organizzazioni.

Ed ora, i campioni i cui movimenti tra le varie categorie di peso sono state mal consigliate…

Murilo Bustamante – Il campione UFC dei pesi medi si trasferisce al Pride e passò ai pesi massimi leggeri, per entrare nel loro Grand Prix. È andato 0-2 in quel torneo, e non molto tempo dopo è tornato indietro.


Scott Smith –  Un altro dal WEC. Smith ha lasciato come campione dei pesi massimi leggeri, è entrato come un peso medio per l’UFC, e subito ha perso contro David Terrell.


Joe Warren – Il campione Bellator piuma entrò in un torneo di Bellator Pesi Gallo, nel tentativo di diventare il primo campione di due divisioni della società. E ‘stato eliminato da Alexis Vila esattamente 64 secondi dopo la sua corsa gallo. (Anche se va notato che Warren alla fine avrebbe vinto il titolo Bantamweight Bellator, quindi ha funzionato per lui alla fine.)


Aleksandr Šhlemenko – Il campione Bellator medi era in una incredibile serie di 13 vittorie consecutive, quando scelse di passare ai pesi mediomassimi per combattere contro Tito Ortiz.

Ortiz lo butta giù in un round, così Šhlemenko torna ai medi, dove a settembre terminò il suo regno da campione dei pesi medi Bellator quando venne sconfitto con estrema facilità dall’imbattuto contendente al titolo Brandon Halsey. E ‘difficile immaginare un passaggio di categoria peggiore del russo.

Così sarà Conor McGregor il prossimo Hendo, o il prossimo Šhlemenko?

Ti potrebbe interessare

Il calcio e il difetto dell’età

Russia 2018: tutti i record di questa edizione

Champions League: chi sono i giocatori applauditi dalle tifoserie avversarie?

Justin Kluivert è vicino alla Roma

Tyson Fury tornerà sul ring dopo lo stop per doping…

Asier de la Iglesia, il primo professionista spagnolo con sclerosi multipla