nfl
 

Tempo di Lettura: 4 minuti

I giocatori della National Football League non dovranno più affrontare sospensioni se saranno trovati positivi alla marijuana in un test anti-doping ai sensi di un nuovo accordo di contrattazione collettiva approvato giovedì dai proprietari delle franchigie. L’accordo è ora in circolazione tra i giocatori, che dovrebbero prendere in considerazione i nuovi termini con i loro rappresentanti durante una teleconferenza venerdì.

Se l’accordo fosse ratificato, la lega implementerebbe diverse modifiche alla sua politica sulle droghe che copre l’uso della cannabis da parte dei giocatori. La nuova politica ridurrebbe le penalità per i giocatori che risultano positivi al THC, inclusa l’eliminazione delle sospensioni di gioco esclusivamente per un risultato di test positivo, secondo una scheda informativa rilasciata dalla NFL Players Association che copre i termini chiave dell’accordo.

La nuova politica ridurrebbe anche il numero di giocatori soggetti a test per il THC e ridurrebbe la finestra durante la quale possono essere testati da quattro mesi a solo due settimane all’inizio del campo di allenamento ogni stagione. Anche il limite per i metaboliti del THC rilevati in un test antidroga sarebbe aumentati da 35 ng/mL a 150 ng/mL.

La notizia che le modifiche alla politica sulla cannabis della lega sarebbero state incluse in un accordo di contrattazione collettiva rinegoziato all’inizio di questo mese. Sabato scorso, Mike Florio di NBC Sports ha riferito che il nuovo accordo di contrattazione collettiva “includerebbe sanzioni drasticamente ridotte, con sospensioni che si verificano solo in caso di estremo e ripetuto disprezzo della politica o significative violazioni della legge applicabile in merito al possesso e all’uso della marijuana”.

Dopo più di dieci mesi di intense e approfondite negoziazioni, i giocatori e le squadre della NFL hanno sviluppato congiuntamente una serie completa di termini nuovi e rivisti che trasformeranno il futuro del gioco, fornendo ai giocatori – passati, presenti e futuri – sia dentro che fuori dal campo, e garantire che il secondo secolo della NFL sia ancora migliore e più eccitante per i tifosi ”, si legge nella dichiarazione.

Già la Major League Baseball ha annunciato modifiche alla sua politica sulla cannabis, rivelando a dicembre che avrebbe rimosso la marijuana dal suo elenco di sostanze vietate per i giocatori. Sebbene i test per la cannabis siano terminati per i giocatori della Major League nel 2006, i giocatori di baseball della League minore erano ancora in fase di test per il THC ed erano soggetti ad azioni disciplinari per un risultato positivo. Bisogna dunque vedere cosa accadrà in questo caso.

Leggi anche “Quali sono gli sport popolari in USA

Fonte: MerryJane

 
 

Tempo di Lettura: 4 minuti

 

Ultime dalla Piazzetta

Pallavolo: stilato il protocollo per il ritorno della Serie A

L’uomo che ha scritto l’inno della Champions League

Come si gioca a paddle?

Marcelo e altri campioni che hanno scelto un orologio Casio

Il film hard sui Mondiali di Cicciolina e Moana Pozzi

Il Ministro Spadafora e il pubblico negli stadi, ecco quando si ritornerà a tifare

Loading...

Commenti