atalanta

“Non vogliamo danneggiare la società”

La Curva Nord 1907 Atalanta emette un comunicato ufficiale inerente al post-partita contro la Roma e alle consecutive sanzioni disciplinari nei confronti dei tifosi bergamaschi (blocco delle trasferte e possibile obbligo della tessera del tifoso anche per le gare casalinghe):

“Non vogliamo che vengano danneggiate l’Atalanta, la società, i suoi tifosi Dopo i fatti del dopo-partita con la Roma abbiamo discusso al nostro interno trovando un punto di comune accordo: per la Curva è fondamentale e primario l’amore per la Dea.  Non si voleva fare un comunicato, ma gli ultimi provvedimenti (blocco delle trasferte e possibile obbligo della tessera del tifoso anche per le gare casalinghe) vanno a colpire, ingiustamente, tutti i tifosi, la società, la squadra. E per questo vogliamo prendere posizione. Sappiamo noi per primi che sabato sera sono stati commessi degli errori: non ci siamo mai nascosti dietro ad un dito e non cominceremo certo ora, ma tutti sanno che da anni condanniamo, senza eccezioni, l’utilizzo di bombe carta in ogni circostanza (lo provano vari articoli sul giornalino e volantini). A maggior ragione se, come ipotizzato dai giornali, qualcuno le ha modificate con chiodi e bulloni.

Ribadiamo che cose di questo genere NON FANNO ASSOLUTAMENTE PARTE DEL NOSTRO MODO DI ESSERE E QUINDI CONDANNIAMO. Non vogliamo buttare via 15 anni di lavoro finalizzati a far crescere la tifoseria e l’amore per l’Atalanta tra i bergamaschi con iniziative anche al di fuori dello stadio, quindi siamo coscienti che va dato un segnale a tutti: non si può più danneggiare l’Atalanta e la sua gente.  Per questo ci impegneremo a far capire a tutti che episodi come quelli di sabato non devono accadere mai più, anche se dettati da situazioni estemporanee, come capitato nel dopo-partita con la Roma.

L’ultimo pensiero, ma non per questo meno importante, anzi, va rivolto ai sei ragazzi arrestati che, ribadiamo, non sono tra i responsabili degli scontri perché erano da tutt’altra parte. Abbiamo fiducia nella giustizia e stavolta anche nei filmati, certi che dimostreranno la loro estraneità alle pesanti accuse contestate loro. Come annunciato sul giornalino distribuito sabato in Curva, avevamo già organizzato per giovedì 4 dicembre, alle ore 21 presso l’Auditorium di piazza della Libertà, la presentazione di un filmato sull’ultima edizione della Festa della Dea.

Non abbiamo nessun motivo per annullare questa serata, anche perché siamo orgogliosi della nostra festa, del lavoro di centinaia di volontari, della partecipazione di decine di migliaia di persone (tifosi e non) e di tutta la beneficenza che viene elargita. Anzi, sarà l’occasione per ribadire, a voce, la posizione che abbiamo deciso di assumere con questo comunicato e per dimostrare ancora una volta l’amore per l’Atalanta. CURVA NORD 1907″

Ti potrebbe interessare

Asier de la Iglesia, il primo professionista spagnolo con sclerosi multipla

Cliftonville, testa bassa durante l’inno inglese in finale di Coppa Irlandese

Barcellona: le 8 sconfitte scottanti al Camp Nou

Zola e le gare di punizioni con Maradona a Napoli…

Champions League: qual è la squadra con più finali?

Due club e una nazionale vogliono Maradona in panchina…