Maradona-napoli
 

Tempo di Lettura: 10 minuti

La vita sempre sopra le righe di Diego Maradona correva sempre parallela a una delle sue passioni, forse quella che più lo ha sedotto durante tutta la sua vita, la sua debolezza (dopo le donne): le automobili. Nel suo momento più glorioso, nel suo garage a Napoli avrebbe potuto mettere su qualsiasi collezione a suo capriccio, senza nulla da invidiare, tenuto conto del passare degli anni e modelli d’auto a ciò che stelle come Cristiano Ronaldo o il francese Karim Benzema, per esempio, hanno nelle loro case.

Ma come nella sua vita, l’itinerario su ruote del miglior calciatore di tutti i tempi è stato diverso, irriverente, esplosivo, imprevedibile. Passando dal timido Pelusa appena fuori Villa Fiorito al Maradona allenatore, la sua trasformazione è accompagnata da aneddoti e storie. Unico, come nessun’altra figura potrebbe essere.

Il suo primo chilometro zero, una Fiat Europa 128 CLS

auto Maradona
© www.infobae.com

Lo acquistò il 24 dicembre 1982, prima di lasciare i campioni del Boca per andare a Barcellona. Fu, forse, quello che lo accompagnò nei suoi ultimi mesi di vita pacifica e di quartiere prima dell’immensa celebrità che lo attendeva in Europa. Era già un campione del mondo giovanile, aveva giocato nella Nazionale ed era stato anche campione con il Boca, ma con il 128 gli era ancora permesso andare a trovare la sua ragazza Claudia a casa sua per fare una passeggiata. Lo ha poi venduto nel 1984 e la sua ultima traccia risale al 2009, quando fu trovato a Salto, nella provincia di Buenos Aires.

A quanto pare è comparsa in un pollaio (fonte: Il Messaggero) ed è subito scattata l’asta tra i vari tifosi.

La prima supercar era usata, un Porsche

auto Maradona
© www.infobae.com

“L’auto è stata brevettata in Argentina dalla leggenda del calcio Maradona il 22 febbraio 1980, quando aveva solo 19 anni. Forse è l’unica vettura registrata solo a suo nome durante la sua carriera calcistica. Ha venduto l’auto prima di essere trasferito al club spagnolo di Barcellona. Da allora è rimasta di proprietà di collezionisti seri, che hanno mantenuto l’auto in ottime condizioni. Viene fornito con tutti i documenti e i certificati originali che dimostrano che questa è davvero l’auto di Diego Armando Maradona”, ha riferito il sito d’aste svedese JamesList, nel 2010, sulla Porsche 924 nera – con un motore a quattro cilindri da 125 cavalli, che la stella aveva venduto nel 1982.

Nel 2010, mentre Maradona era l’allenatore della squadra nazionale argentina, per la Porsche hanno chiesto 500mila dollari. Due anni dopo, un altro sito, Arcar, lo mise in vendita per 77.500 dollari.

Il regalo dei tifosi, una Mercedes

Grati per i successi e le scommesse indelebili che Diego aveva lasciato in Argentinos Juniors, nel 1980 i tifosi gli. Di quel modello, con un motore V8 e 237 cavalli, furono prodotte solo 1.133 unità.

L’acquistarono presso il concessionario Juan Manuel Fangio e persino alcune versioni sostengono che fu lo stesso proprietario a consegnarglielo sul campo del club. L’ultima volta che è stato messo in vendita come oggetto da collezione, nell’ottobre 2011, hanno chiesto 50.000 dollari.

Una XR4 per Don Diego

auto Maradona
© www.infobae.com

Nel 2017, una Ford Sierra XR4 appartenuta a Maradona fu messa in vendita tra febbraio 1986 e dicembre 1987. All’epoca furono richiesti 300 mila pesos (non chiedeteci quanto possa essere oggi), sebbene fosse un veicolo utilizzato principalmente da suo padre, Don Diego.

La Ferrari di Napoli e il dilemma del colore

auto Maradona
© www.infobae.com

Nel 1987 Maradona era già considerata Dio. Prima dai tifosi del Napoli, ovviamente dopo aver vinto lo scudetto italiano e la Coppa Italia. Un’impresa sportiva per una squadra che per la prima volta si stava scontrando con le grandi d’Europa. E ovviamente anche dai tifosi argentini e di tutto il Mondo, che lo avevano visto nel Mondiale messicano del 1986 in tutto il suo splendore.

Il migliore Maradona di tutti i tempi ha goduto della massima gloria e riconoscimento. E a quel tempo decise di accompagnare le sue camicie ruvide con altri gusti: due Ferrari. Ma c’era una condizione che Diego chiedeva al suo rappresentante Guillermo Cóppola: dovevano essere nere, abbastanza audace per la tradizione del “Cavallino Rosso” che persino Enzo Ferrari era personalmente responsabile di mantenere invariato.

Guillote“, il soprannome di Diego diede al suo agente, fece sì che la Ferrari tradisse la sua tradizione con una delle richieste: la famoso Testarossa.

Il marchio accettò quella richiesta esplicita per un cambio di vernice e quindi lasciò la sua fabbrica, con un colore chiamato “Glasurit Nero Met 901 / C”, un’eccezione che era stata precedentemente fatta solo per Sylvester Stallone; e che dopo Maradona si sono ripetuti anche Michael Jackson e Michael Jordan.

© nssmag.com

Quella Ferrari nera era un dono fatto da Coppola all’allora presidente del Napoli, Corrado Ferlaino, al protagonista delle vittorie partenopee. L’altro ordine di Diego era stato una Ferrari F-40, un modello squisito che il marchio aveva concepito per commemorare il 40 ° anniversario della sua nascita e di cui sarebbero state realizzate solo 40 unità.

Non c’erano problemi di budget per realizzare quel gioiello desiderato dal mondo intero, sebbene fosse un impedimento da parte dello stesso Enzo Ferrari, che non accettò che questo modello fosse nero. Diego ebbe il suo F-40, ma rosso.

Nel momento più buio, la Renault Fuego GTA Max

auto Maradona
© www.infobae.com

Nel 1991, Diego Maradona fu arrestato nel quartiere di Caballito, accusato di possesso di mezzo chilo di cocaina. Due mesi dopo quell’episodio che fece il giro del mondo e mostrò la stella abbattuta e ammanettata, acquistò una Renault Fuego GTA Max a chilometro zero. Aveva un motore 2.2 con 123 cavalli ed era l’auto più veloce fabbricata a livello nazionale del suo tempo: 198 km / h. Si dice che non l’abbia usato molto, perché ha ancora trascorso molto tempo in Europa, tra la sua separazione dal Napoli e il suo arrivo al Siviglia. La vendette nel 1992, per poi essere stato rimessa in vendita nel 2018, per 23.000 dollari.

Il ritorno al Boca e alla Ferrari

auto Maradona
© www.infobae.com

Quando Maradona tornò a Boca nel 1995, ordinò di nuovo due Ferrari: quella volta erano il nuovissimo F355 Spider, entrambi rossi, e acquistarono praticamente allo stesso tempo: uno aveva il brevetto AXX 608 e l’altro, la targa BWY 893. Era equipaggiato con un V8 da 3,5 litri da 380 cavalli.

Nel 2005, e con soli 37.800 chilometri, uno degli Spider F355 di Maradona fu messo all’asta, e il suo prezzo finale fu di 670.150 dollari. L’auto fu acquistata nel 2009 dal clan Loza e fu lasciata nel nome di Edwin, uno dei tre fratelli Salta di quell’organizzazione criminale. Nel dicembre 2018, in un’operazione della polizia argentina sequestrano a quella banda ben 25 auto, tra cui una delle Spider F355 di Maradona, che da allora è nelle mani dello Stato Argentino.

Con la forza di uno Scania

camion Maradona
© www.infobae.com

Erano anni turbolenti quelli della stella al suo ritorno a Boca, dopo la sospensione del doping nella Coppa del Mondo 94. La sua figura trasformò il mondo di Boca, in sé complesso, in un’atmosfera soffocante per il giocatore stesso, che cercò di sfuggire alla stampa.

Una setimana di ottobre, provò vari tentativi per aggirare i microfoni di giornalisti invadenti: così il lunedì arrivò in Porsche, il martedì con un Mitsubishi Montero, il miglior 4×4 del momento; ma mercoledì vedendo che i suoi escamotage erano vani, decise di sorprendere tutti con un camion Scania 360 blu, modello 113H, con targa AZM 765.

Il camion fu in seguito visto per diversi anni in Calle Mariscal Ramón Castilla, nell’elegante Barrio Norte di Buenos Aires, dove viveva el Diez. Era stato un regalo della compagnia Lo-Jack a titolo di sponsorizzazione; ne aveva comprato uno nero simile.

A Ezeiza in Mini Cooper

auto Maradona
© www.infobae.com

Durante il suo periodo come allenatore della squadra nazionale argentina, di fronte ai Mondiali del 2010 in Sudafrica, Maradona passò a due versioni del classico modello inglese: una Mini Cooper S Hot Pepper del 2005 e un’altra Mini – anche S – del 2009. La Mini Cooper S fu venduta nel 2010 per 32.000 dollari. Con quella Mini fece anche in un incidente ad un allenamento della nazionale albiceleste, a Ezeiza: senza intenzione, investì un cameraman che era tra quelli che si affollavano alla porta per aspettarlo e registrare le sue entrate, per fortuna senza conseguenze.

Un BMW i8 a Dubai

auto Maradona
© www.infobae.com

La sua avventura come allenatore a Dubai lo portò in una nuova era. Da un lato, la sua prima auto ibrida, in questo caso un’impressionante BMW i8, che combina un motore a combustione con uno elettrico ed è in grado di accelerare da 0 a 100 km / h in 4,4 secondi e raggiungere 250 km / h. E dall’altro, è salito alla massima raffinatezza nell’universo automobilistico: un imponente Rolls-Royce Ghost, equipaggiato con un doppio motore turbo V12 da 6,6 litri e 570 CV. Fino a quando il dieci è stato in Medio Oriente, fino al 2018, il suo valore ha superato anche i 300 mila euro.

auto Maradona
© www.infobae.com

Gli mancava un anfibio

auto Maradona
© www.infobae.com

Dopo aver lasciato la posizione come allenatore di Al Fujairah negli Emirati Arabi Uniti, dopo aver perso l’opportunità di promozione diretta in prima divisione, è atterrato in Bielorussia. Arrivò a Dynamo Brest, dove divenne vicepresidente per “supervisionare lo sviluppo strategico del club” e come regalo di benvenuto gli fecero di un veicolo militare anfibio. Prodotto dal gruppo Sohra, si chiama Overcomer Hunta, è progettato per viaggiare su qualsiasi terreno e persino immergersi in acqua.

Chevrolet Camaro da sogno (promozione)

auto Maradona
© www.infobae.com

“Questo è il colore, papà”, esclamò Diego guardandolo da fuori. “Lo adoro, hai visto come ruggisce?” Il ruggito proviene dall’imponente motore V6 da 3,6 litri da 335 CV nella sua nuovissima Chevrolet Camaro RS. Diego lo presentò in una delle sessioni di allenamento del suo club, Dorados de Sinaloa, in qualità di nuovo allenatore, che ambiva ad essere promosso in prima divisione. Nel 2019, la Camaro, un regalo per il suo soggiorno in Messico, è stato valutato a circa 38.000 dollari.

L’ultima macchina di Maradona: BMW M4 con le luci di pattuglia

Nel mezzo della quarantena, e mentre Maradona si stava preparando a restare in Prima Divisione con il Gimnasia de La Plata, è apparsa l’ultimo arrivo nel garage della stella aregntina: una BMW M4, la versione sportiva della Serie 4 , che ha un motore bicilindrico a 6 cilindri da 3,0 litri, che sviluppa una potenza di 431 cavalli. Raggiunge una velocità massima di 250 km / h e accelera da 0 a 100 km / h in soli 4,1 secondi.

 
 

Tempo di Lettura: 10 minuti

 

Leggi Anche

Allenamento di calcio: perché le partite a tema sono utili nelle giovanili

L’allenamento e la dieta di Ryan Reynolds per diventare Deadpool

FIFA 23: Come segnare direttamente da calcio d’angolo

Cilento: meta turistica favorita di molti calciatori

Come trovare il miglior casinò straniero online

Qual è la differenza tra l’allenamento sportivo e i normali allenamenti in palestra?

Loading...