infortunio
 

Tempo di Lettura: 12 minuti

L’ Infiammazione al Tendine d’Achille è una lesione alla fascia di tessuto che collega i muscoli del polpaccio nella parte posteriore della gamba inferiore al tallone.

L’infiammazione al tendine d’Achille si verifica più comunemente nei corridori che hanno aumentato l’intensità o la durata delle loro corse. È comune anche nelle persone di mezza età che praticano sport, come il tennis, il calcio o il basket, solo nei fine settimana.

La maggior parte dei casi di infiammazione al tendine d’Achille può essere trattata con una cure abbastanza semplici in casa sotto la supervisione del proprio dottore. Di solito sono necessarie strategie di auto-cura per prevenire episodi ricorrenti. I casi più gravi di tendinite di Achille possono portare a rotture del tendine che possono richiedere una riparazione solo attraverso la chirurgia.

Quali sono i sintomi?

Il dolore associato con infiammazione al tendine d’Achille inizia solitamente come un lieve dolore nella parte posteriore della gamba o poco sopra il tallone dopo la corsa o aver fatto sport in generale. Episodi di dolore più forte possono verificarsi dopo una corsa prolungata, arrampicata su scale o sprint.

È solito anche provare sensibilità o rigidità, specialmente al mattino, che di solito migliora con una leggera attività.

Quando vedere un dottore

Se persiste un dolore attorno al tendine di Achille, è necessario chiamare un professionista. Consultare immediatamente un medico se il dolore o la disabilità sono gravi. Potrebbe esserci un problema serio come un tendine d’Achille strappato (rotto).

Le cause

L’infiammazione al tendine d’Achille è causata da uno sforzo ripetitivo o intenso sul tendine di Achille, la fascia di tessuto che collega i muscoli del polpaccio all’osso del tallone. Questo tendine viene usato quando cammini, corri, salti o spingi in alto sulle dita dei piedi.

La struttura del tendine di Achille si indebolisce con l’età, il che può renderlo più suscettibile alle lesioni – in particolare nelle persone che possono partecipare agli sport solo nei fine settimana o che hanno improvvisamente aumentato l’intensità dei loro programmi di corsa.

Fattori di rischio

Una serie di fattori può aumentare il rischio di tendinite di Achille, tra cui:

  • Il sesso: l’infiammazione al tendine d’Achille si verifica più comunemente negli uomini.
  • Età: l’infiammazione al tendine d’Achille è più comune con l’avanzare dell’età.
  • Problemi fisici: un arco naturalmente piatto nel piede può mettere a dura prova il tendine di Achille. Anche l’obesità e i muscoli contratti del polpaccio possono aumentare i problemi del tendine.
  • Scelta della scarpa: correre in scarpe vecchie può aumentare il rischio di tendinite di Achille. Il dolore al tendine si verifica più frequentemente con tempo freddo piuttosto che con tempo caldo, e correre su terreno collinoso può anche predisporre a traumi.
  • Condizioni mediche: le persone che hanno la psoriasi o ipertensione arteriosa sono più a rischio di sviluppare tendinite di Achille.
  • Farmaci: aAlcuni tipi di antibiotici, chiamati fluorochinoloni, sono stati associati a tassi più elevati di infiammazione al tendine d’Achille.

Complicazioni

L’infiammazione al tendine d’Achille può indebolire il tendine, rendendolo più vulnerabile a una lesione (rottura) – una problematica dolorosa che di solito richiede una riparazione chirurgica.

Prevenzione

Mentre potrebbe non essere possibile prevenire l’infiammazione al tendine d’Achille, è possibile adottare misure per ridurre il rischio:

  • Aumenta gradualmente il tuo livello di attività. Se hai appena iniziato un regime di allenamento, inizia lentamente e gradualmente ad aumentare la durata e l’intensità dell’allenamento.
  • Evita le attività che mettono eccessivo stress sui tuoi tendini, come la corsa in collina. Se si partecipa a un’attività faticosa, riscaldarsi prima esercitandosi a un ritmo più lento. Se noti dolore durante un particolare esercizio, fermati e riposati.
  • Scegli le tue scarpe con cura. Le scarpe che indossi mentre ti alleni dovrebbero fornire un’adeguata ammortizzazione per il tuo tallone e dovrebbero avere un supporto arcuato per ridurre la tensione del tendine di Achille. Sostituisci le scarpe consumate. Se le tue scarpe sono in buone condizioni ma non sostengono i piedi, prova i supporti per arco in entrambe le scarpe.
  • Stretchinng ogni giorno. Prenditi il ​​tempo per allungare i muscoli del polpaccio e il tendine di Achille al mattino, prima dell’esercizio e dopo l’esercizio per mantenere la flessibilità. Questo è particolarmente importante per evitare una ricaduta.
  • Rafforza i tuoi muscoli del polpaccio. I muscoli del polpaccio forti consentono al polpaccio e al tendine di Achille di gestire meglio gli stress che incontrano con l’attività e l’esercizio.

Diagnosi

Durante l’esame fisico, il medico preme delicatamente sull’area interessata per determinare la posizione di dolore o gonfiore. Lui o lei valuterà anche la flessibilità, l’allineamento, la gamma di movimento e i riflessi del piede e della caviglia.

Test di imaging

Il medico può ordinare uno o più dei seguenti test per valutare la condizione:

  • Radiografie. Mentre i raggi X non sono in grado di visualizzare tessuti molli come i tendini, possono aiutare a escludere altre condizioni che possono causare sintomi simili.
  • Ultrasuoni. Questo dispositivo utilizza le onde sonore per visualizzare i tessuti molli come i tendini. Gli ultrasuoni possono anche produrre immagini in tempo reale del tendine di Achille in movimento e l’ecografia color-Doppler può valutare il flusso di sangue attorno al tendine.
  • Risonanza magnetica (MRI). Usando le onde radio e un magnete molto forte, le macchine MRI possono produrre immagini molto dettagliate del tendine di Achille.

Trattamento

La tendinite di solito risponde bene alle misure di auto-cura. Ma se i segni e i sintomi sono gravi o persistenti, il medico potrebbe suggerire altre opzioni di trattamento.

Farmaci

Se i farmaci antidolorifici da banco – come ibuprofene (Advil, Motrin IB, altri) o naproxene (Aleve) – non sono sufficienti, il medico potrebbe prescrivere farmaci più potenti per ridurre l’infiammazione e alleviare il dolore.

Fisioterapia

Un fisioterapista potrebbe suggerire alcune delle seguenti opzioni di trattamento:

  • Esercizi. I terapeuti prescrivono spesso specifici esercizi di stretching e rafforzamento per promuovere la guarigione e il rafforzamento del tendine di Achille e delle sue strutture di supporto. Un particolare tipo di rafforzamento chiamato rafforzamento “eccentrico”, che comporta un lento abbassamento di peso dopo averlo sollevato, si è rivelato particolarmente utile per i persistenti problemi al tendine d’Achille.
  • Dispositivi ortottici. Un inserto per scarpe o un cuneo che eleva leggermente il tallone può alleviare la tensione sul tendine e fornire un cuscinetto che riduce la quantità di forza esercitata sul tendine di Achille.

Chirurgia

Se diversi mesi di trattamenti più conservativi non funzionano o se il tendine si è strappato, il medico può suggerire un intervento chirurgico per riparare il tendine di Achille.

Stile di vita e rimedi casalinghi

Le strategie di auto-cura includono i seguenti passaggi:

  • Riposo. Potrebbe essere necessario evitare l’esercizio fisico per diversi giorni o passare a un’attività che non affatica il tendine di Achille, come il nuoto. Nei casi più gravi, potrebbe essere necessario indossare uno scarpone da passeggio e utilizzare le stampelle.
  • Ghiaccio. Per ridurre il dolore o il gonfiore, applicare un impacco di ghiaccio al tendine per circa 15 minuti dopo l’allenamento o quando avverti dolore.
  • Compressione. Impacchi o bendaggi elastici compressivi possono aiutare a ridurre il gonfiore e ridurre il movimento del tendine.
  • Elevazione. Sollevare il piede lesionato sopra il livello del cuore per ridurre il gonfiore. Dormire con il piede sollevato durante la notte.
 
 

Tempo di Lettura: 12 minuti

 

Ultime dalla Piazzetta

Gli sportivi con la Osgood-Schlatter

Coronavirus, la Spagna riaprirà palestre e centri sportivi

Il CONI consegna al Ministro Spadafora un Rapporto per la ripresa degli Sport

Sport e Fase 2, Dott. Galli: «Non esiste pericolo per chi esce da solo»

Coronavirus, cosa succede con gli interventi ortopedici?

Allenamenti: le linee guida della Federmedici

Loading...