pallone calcio
 

Tempo di Lettura: 8 minuti

Chi è Giorgio Perinetti?

Giorgio Perinetti è un noto dirigente sportivo italiano, nato il 17 gennaio 1951 a Roma. Con una carriera che si estende per oltre quattro decenni, Perinetti ha lasciato un’impronta significativa in numerosi club italiani, dimostrandosi una figura chiave nello sviluppo e nella gestione delle squadre di calcio. Attualmente, ricopre il ruolo di direttore tecnico dell’Avellino, club di Serie C, con un contratto fino al 30 giugno 2025​.

© www.adise.eu

La carriera di Giorgio Perinetti

Gli Inizi e l’Ascesa

Giorgio Perinetti ha iniziato la sua carriera calcistica come dirigente nei settori giovanili dell’AS Roma, dove ha lavorato dal 1972 al 1986. Qui ha dimostrato le sue capacità nel coltivare giovani talenti, contribuendo alla crescita del club. Dopo la Roma, ha avuto una breve esperienza come capo degli osservatori al Napoli nella stagione 1987-1988​.

Esperienze a Napoli e Roma

Nel 1988, Perinetti tornò al Napoli, questa volta come direttore sportivo, ruolo che mantenne fino al 1993. Durante questo periodo, il Napoli era una delle squadre di vertice in Italia, e Perinetti giocò un ruolo cruciale nel mantenere alto il livello competitivo del club. Dopo il Napoli, tornò alla Roma come direttore sportivo per la stagione 1995-1996.

Il periodo a Palermo

Uno dei periodi più significativi della sua carriera fu quello al Palermo, dove lavorò in diversi momenti (1993-1995, 2000-2002, e poi ancora come direttore tecnico dal 2013 al 2014). Sotto la sua direzione, il Palermo ottenne importanti successi, tra cui la promozione in Serie A, dimostrando ancora una volta le sue eccezionali capacità di gestione e strategia​​.

Venezia, Genoa e Brescia

Dopo Palermo, Perinetti continuò la sua carriera con altre esperienze di rilievo. Dal 2015 al 2017, fu direttore sportivo del Venezia, contribuendo alla rinascita del club. Successivamente, passò al Genoa come direttore generale dal 2017 al 2019. A Brescia, ricoprì il ruolo di direttore sportivo e poi di direttore tecnico, cercando di stabilizzare il club in Serie B​.

Cosa fa oggi?

Il suo attuale ruolo all’Avellino

Nel giugno 2023, Perinetti è stato nominato direttore tecnico dell’Avellino, con l’obiettivo di riportare il club in Serie B. Il progetto con l’Avellino rappresenta una nuova sfida per Perinetti, che continua a portare la sua vasta esperienza e conoscenza del calcio italiano nella gestione del club.

Aneddoti e Curiosità

La Promozione del Siena

Un aneddoto interessante riguarda il periodo in cui Perinetti fu direttore sportivo del Siena (2010-2012). Durante la sua gestione, il Siena riuscì a ottenere la promozione in Serie A, un risultato che ha sempre ricordato con grande soddisfazione. Questo successo è stato frutto di una gestione oculata e di un’attenta selezione dei giocatori, dimostrando le sue capacità strategiche e di leadership​.

Il dramma personale

Oltre alla sua carriera professionale, Giorgio Perinetti ha affrontato momenti personali molto difficili. Nel 2015, perse sua moglie Daniela, un evento che lo colpì profondamente. Recentemente, nel novembre 2023, ha vissuto un altro dramma con la perdita della figlia Emanuela, che lottava contro l’anoressia. Nonostante queste tragedie, Perinetti ha continuato a lavorare nel calcio, mostrando una straordinaria resilienza e dedizione​.

Giorgio Perinetti è senza dubbio una delle figure più rispettate e conosciute nel panorama calcistico italiano. La sua lunga carriera, ricca di successi e sfide, testimonia la sua passione e il suo impegno nel mondo del calcio. Oggi, continua a contribuire al calcio italiano come direttore tecnico dell’Avellino, portando avanti con determinazione il progetto del club.

Fonti:

 
 

Tempo di Lettura: 8 minuti

 

Leggi Anche

Allenamento di calcio: perché le partite a tema sono utili nelle giovanili

Cilento: meta turistica favorita di molti calciatori

Il motivo per cui il Futsal è ottimo per allenare i giovani

Il canale YouTube della UEFA sul calcio femminile

Cos’è una “rabona” e perché si chiama così?

Perché le tifoserie di Napoli e Genoa sono gemellate?

Loading...