transfermarkt-logo
 

Tempo di Lettura: 6 minuti

Faccio questo lavoro Transfermarkt per divertimento e l’industria del calcio vale milioni.

Martin Freundl di Transfermarkt

Un contrasto regna sovrano nel mondo del calcio, i miliardi che vale l’industria del calcio e l’umiltà delle persone che sono dietro il sito più famoso sulle valutazioni dei calciatori professionisti, Transfermarkt.

Secondo un rapporto del sito web olandese “Follow The Money“, le valutazioni fatte sui calciatori nel vasto database del portale tedesco sarebbero semplici stime fatte da volontari. Il portale finanziario è conosciuto in tutto il mondo come un grande database che contiene informazioni su oltre 800.000 calciatori professionisti, inclusi rapporti e statistiche su quanto giocano, trasferimenti ad altre squadre e una valutazione basata su vari aspetti: dall’età, prestazioni, proiezione …

Il sito web è stato creato nel 2000 su iniziativa di Matthias Seidel, ingegnere informatico e tifoso del Werder Bremen. Da allora la pagina è cresciuta al punto da ricevere più di un miliardo di visite sul portale ogni mese, motivo per cui è anche molto rispettata nel panorama calcistico e fondamentalmente diventa il valutatore “non ufficiale” principalmente del calcio europeo.

© juventus.com

Il tutto riscontrabile nel ritrovamento di alcune loro valutazioni nei rapporti annuali di alcuni dei migliori club europei, come Porto, Lione, Marsiglia o Schalke, secondo ‘Follow The Money’. Anche lo stesso Barcellona si sarebbe avvalso delle informazioni fornite dal sito tedesco, come si è visto nel trasferimento di Arthur Melo alla Juventus, dove in una dichiarazione rilasciata al RAC 1, l’ex presidente dell’ente culé, Josep Maria Bartomeu, ha fatto riferimento al portale finanziario per giustificare il prezzo di vendita di 72 milioni di euro e che non era una valutazione gonfiata: “Domanda e offerta funzionano così (…) Il suo valore in Transfermarkt ‘era di 70 milioni“.

In un altro caso, ‘Follow The Money’ ricorda come un ex consulente del Valencia ha sporto denuncia contro Jorge Mendes e il proprietario della squadra, Peter Lim, dove li ha accusati di gonfiare la valutazione di mercato dei nuovi giocatori da lui portati alla squadra valenciana. Tuttavia, il pubblico ministero respinse il caso sostenendo che questi valori erano vicini a quelli condivisi da “Transfermarkt”.

Cosa dice chi ci lavora?

I club non dovrebbero prendere decisioni di trasferimento sulla base delle cifre sul nostro sito web

Christian Schwartz di Transfermarkt

Alla luce di tutto ciò, quelli di Follow The Money hanno pensato che la cosa migliore fosse conoscere in prima persona l’opinione di coloro che stanno dietro a queste valutazioni, come Martin Freundl, responsabile del valutazione dei giocatori della Bundesliga, e Christian Schwartz, direttore internazionale dei titoli della ‘Transfermarkt.

Trascorro parte del mio tempo libero sul mio computer a casa, valutando i prezzi. E l’industria del calcio prende sul serio queste valutazioni (…) Non è reale. Sono solo un assistente sociale. Faccio questo lavoro Transfermarkt per divertimento e l’industria del calcio vale milioni. Il contrasto è folle “, ha detto Freundl alla pagina web olandese.

La figura di Schwartz sul web si posiziona come il punto di contatto tra giocatori e club che non sarebbero d’accordo con la valutazione stabilita attraverso il portale. Ovviamente c’è del lavoro dietro quando si assegnano le valutazioni, dove criteri come minuti giocati, gol, assist, durata del contratto, proiezione futura, situazione nell’influenza del club, e molti altri.

Tuttavia, non usano alcun algoritmo specifico, ma piuttosto La valutazione di mercato si basa maggiormente sulla decisione del gruppo. “I club non dovrebbero prendere decisioni di trasferimento sulla base delle cifre sul nostro sito web“, avrebbe chiosato Schwartz al sito web olandese.

 

Leggi Anche

Il motivo per cui il Futsal è ottimo per allenare i giovani

Cosa sono le Sure Bet e come funzionano?

Il canale YouTube della UEFA sul calcio femminile

Cos’è una “rabona” e perché si chiama così?

Perché le tifoserie di Napoli e Genoa sono gemellate?

Di padre in figlio: le dinastie del calcio

Loading...