juventus nuovo logo
 

I social media sono ormai parte integrante della quotidianità di tutti, giovani e meno giovani, ma è anche sempre più parte integrante della vita di un atleta in generale e di un calciatore in particolare. Saperli utilizzare dunque è vitale perché questi non interferiscano poi sulla propria carriera.

Un campione deve essere in grado di gestire al meglio la propria visibilità, anche e soprattutto online, e la Juventus, come al solito lo ha capito prima di tutti, ed ha organizzato un corso per dare le competenze necessarie per muoversi nel modo migliore nel mondo dei social media ai giovani talenti del suo settore giovanile.

Social Juventus

L’evento di formazione si è tenuto lo scorso Aprile all’Allianz Stadium dal team di NETWork, un percorso formativo promosso da Randstad, in collaborazione con DISKO e con il contributo di Facebook Italia. I contenuti della giornata sono stati curati da: Jack Sintini, Sales Manager Randstad Sport Randstad HR Solutions e campione di volley, Massimo Cortinovis, digital & pr sports specialist e direttore didattico di Randstad NETwork, e Mauro Cocchieri, Industry Head Retail di Facebook.

A questo aggiornamento hanno partecipato i calciatori bianconeri della Under 23 e delle squadre Primavera maschile e femminile. Ai giovani calciatori e alle giovani calciatrici sono state spiegate: l’importanza di sviluppare competenze digitali di base, le specifiche caratteristiche dei diversi social media come Facebook e Instagram, come misurare le performance delle proprie pagine social, come creare e sviluppare strategie di personal branding sui diversi canali.

Insomma per la Juventus, essere campioni è una questione non solo offline.

Leggi anche Il Calcio al tempo dei social

 
 
 

Ultime dalla Piazzetta

Stadi di Subbuteo, tra gioco e modellismo

MMA, la classifica dei fighter dal migliore al peggiore

Perché Messi cammina i primi minuti di partita?

Dybala: “Giocare con CR7 e Messi è un vantaggio per me, posso studiarli ogni giorno”

David Villa: “Ho avuto fortuna, sono stato felice!”

Presidente FIGC femminile: “Le pari opportunità nel 2020 sono dovute”

Loading...

Commenti

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *