leigh griffiths si scaccola

Nel derby di Glasgow, i biancoverdi battono i Rangers con le reti di Rogic e Griffiths. Ma a fare notizia è soprattuto un episodio che ha visto coinvolto proprio il numero 9, Leigh Griffiths.

Nell’ultimo confronto tra le due squadre di Glasgow, l’attaccante del Celtic, autore anche del gol del definitivo 2-0, ha pensato bene di pulirsi il naso prima della battuta di un calcio d’angolo e di appiccicare il “contenuto” sulla bandierina dov’e’ c’è stampato il logo dei Rangers.

Non è la prima volta che il numero 9 degli Hoops si rende protagonista di una provocazione nei confronti dei rivali. Nella sfida del dicembre 2016, sempre in trasferta, Griffiths festeggiò la vittoria per 2-1 legando a fine partita una sciarpa biancoverde al palo di una delle porte.

Ma questo derby è pieno di episodi e gesti simili. Infatti, a distinguere questa rivalità calcistica da tutte le altre del mondo vi è una connotazione religiosa delle due tifoserie. Cattolici i tifosi del Celtic e protestanti quelli dei Rangers.

Gli episodi precedenti di provocazioni all’Old Firm

Nel 1995, Paul Gascoigne festeggiò una rete in amichevole contro la Steaua Bucarest fingendo di suonare un flauto ignorando che il gesto fosse fortemente provocatorio nei confronti dei cattolici irlandesi, poiché veniva usato per ricordare “The Sash”, una canzone popolare suonata durante le sanguinose parate orangiste in Irlanda del Nord. Nei giorni seguenti, per mesi, l’ex giocatore della Lazio ricevette minacce di morte.

Nel 2006, altro episodio con l’allora portiere del Celtic, Artur Boruc, ex Fiorentina, che si fece il segno della croce sotto la curva avversaria: ne uscì con un ammonimento da parte giudiziaria per aver provocato la massa. Ma quello stesso Old Firm, ebbe un momento dello scontro molto duro tra le due tifoserie: il protagonista fu un tifoso, Mark Scott, che vestendo una maglia del Celtic venne accoltellato a morte in un pub pieno di sostenitori dei Rangers.

Quindi questo è solo l’ennesimo capitolo di una rivalità che va ben oltre l’aspetto calcistico e certo che se ci si mettono anche i giocatori a infiammare questo derby con questi episodi sarà una rivalità destinata a continuare in eterno.

Gli highlights di Rangers-Celtic 0-2

Ti potrebbe interessare

Marko Arnautovic, il ritardatario preferito di Mourinho

Jack Harrison, un “English Man in New York”…

Real Madrid, periodo di rinnovi contrattuali per i blancos

La vera ragione per cui Ruud Van Nistelrooy lasciò lo United

Dybala vs. Mertens: stelle a confronto…

Turno infrasettimanale di Serie A: mercoledì ricco di big match