universiadi napoli
 

Proseguono a ritmo serrato i lavori allo Stadio San Paolo di Napoli. Tutto sarà pronto per Mercoledi 3 luglio, giorno della cerimonia d’inaugurazione della 30ª Edizione dell’Universiade Estiva. In attesa di avviare i lavori di posa dei sediolini, sono già perfettamente funzionanti gli impianti Audio e Luce, veri e propri gioielli tecnologici di ultima generazione.

L’impianto sonoro, costato 500.000 euro circa, garantirà un suono limpido e pulito come in nessun altro stadio d’Italia. Infatti la società che curerà la cerimonia d’inaugurazione non si avvarrà di nessun altro service esterno per la diffusione del segnale sulle tribune, le cui casse assicureranno una potenza di 1400 W per le tribune superiori e di 400 W per quelle inferiori.

Ancora più performante l’impianto luci costato un milione e trecentomila euro. Il sistema studiato per l’Arena di Fuorigrotta prevederà, tra le altre cose, il collegamento all’impianto audio per garantire un gioco sincronizzato di luci e suoni, con la facoltà di gestire autonomamente ogni singolo fascio di luci, un po’ come gli impianti sportivi degli USA.

A parlare dell’avanzamento dell’opera è stato l’architetto Filomena Smiraglia, direttore dei lavori: “Parliamo di un investimento che, unitamente all’installazione dei nuovi sediolini, farà del San Paolo uno degli stadi più moderni e funzionali d’Italia; sicuramente l’impianto pubblico più moderno e tecnologico. Audio e Luci saranno all’avanguardia avendo utilizzato materiali e tecnologie di ultimissima generazione. C’è da essere fieri per il lavoro svolto”.

© VesuvioLive

Sarà molto performante anche la pista d’atletica leggera costata un milione e 200mila euro ed i cui lavori sono già a buon punto. Rigorosamente rispetto il protocollo della IAAF (Federazione Internazionale Atletica Leggera), per l’anello e le pedane sono stati utilizzati rotoli prefabbricati in gomma color blu e grigio, in perfetta sintonia con i colori delle tribune, in modo da rendere particolarmente gradevole anche l’abbinamento cromatico. E sono sì in linea coi colori sociali della SSC Napoli, ma non col pensiero del Presidente dello stesso club Aurelio De Laurentiis, che li voleva multi-colore in stile Dacia Arena.

Il San Paolo – conclude il direttore dei lavori – avrà in dotazione una pista di Classe Uno, tanto per intenderci la stessa prevista per Olimpiadi e Mondiali di atletica leggera, un plus che permetterà anche dopo Napoli 2019 di organizzare e ospitare gare di livello internazionale”.

Fonte: SeiTV

 

Ultime dalla Piazzetta

Europeo U21: Rocco Hunt autore della canzone dell’evento “Benvenuti in Italy”

Mauro Zárate segna contro il club di cui è socio, espulso dal CdA

Il motivo per cui Maradona non era a Cannes per il suo docu-film

HECTOR CUPER: l’eterno secondo

La procura della Federcalcio è nel mirino della magistratura ordinaria

Perché l’arbitro ammonisce l’esultanza senza maglia?