Manchester united
 

Tempo di Lettura: 6 minuti

Si tratterebbe di questioni familiari

Molti tifosi rivali semplicemente non considerano il centrocampista abbastanza buono per un palcoscenico come l’Old Trafford.

C’è una lunga disputa tra i tifosi inglesi (non solo dei Red Devils) secondo cui Lingard è ancora una bella speranza, dato che il 26enne non è riuscito a realizzare il suo potenziale.

In effetti, ha giocato quasi 200 volte per il club e ha rappresentato il suo paese ben 24 volte. Ma non è stato ancora molto convincente.

Certamente non ho iniziato questa stagione in modo molto brillante, ed infatti ha giocato le prime due partite dello United per poi ritrovarsi rapidamente fuori squadra.

Da allora, aveva iniziato solo una partita da titolare in campionato prima delle precedenti due vittorie dello United contro il Tottenham e il Manchester City.

Lingard mamma
© givemesport.com

Ma ora Lingard ha rivelato esattamente cosa stava succedendo nella sua vita personale mentre lottava per un posto in campo.

Non ero in forma e lui [Solskjaer] era sempre con me. Voleva di più da me “, ha detto il giocatore inglese al Daily Mail. “Quindi ho pensato che fosse meglio togliermi il peso da dosso e dirgli perché non ci stavo con la testa. Dunque ho bussato alla sua porta.

Kirsty, la madre di Lingard, si ammalò, lasciando Lingard a prendersi cura del fratello minore Jasper, 14 anni, e della sorella di 11 anni Daisy-Boo.

Jasper ha lottato per affrontare la malattia di sua madre e attualmente vive con Lingard e viene educato da casa. Lo stesso Lingard si sta adattando alla vita come padre con una figlia di un anno e ha anche partecipato agli incontri dei genitori a scuola per i suoi fratelli.

Mia mamma ha avuto alcune cose per anni ma non è mai stata davvero aiutata. Ora lo è. Quindi mi sono preso cura di mio fratello e mia sorella. Sono con me. È stato difficile vedere i miei cari lottare e poi ho il mio lavoro e devo provare a farlo al meglio.“, ho aggiunto.

Lingard non lo ha detto a nessuno al club per settimane e nessuno sapeva delle sue battaglie fino a quando non ha rivelato tutto all’attuale allenatore dei Red Devils.

Sono una persona a cui piace occuparsi delle cose da solo, ma non è necessariamente la cosa giusta da fare“, ha ammesso.

Uso sempre la frase ‘Sii te stesso’, ma mi sono reso conto ora che ci sono momenti in cui non puoi proprio esserlo. Mio padre e mio fratello maggiore, Louie, sono stati di grande supporto ma alcune di queste cose mi hanno spezzato il cuore.“.

Come uomo devo assumermi questa responsabilità ed essere lì per tutti. Ho dovuto maturare e essere saggio. A volte quando le tue preoccupazioni sono così profonde da non poter funzionare correttamente. Ora si tratta di tornare al mio meglio e sento di poterlo fare.“.

Incredibile onestà da parte di Lingard e lo rispettiamo in modo massiccio per aver rivelato tutto.

A volte è facile dimenticare che i calciatori sono anch’essi in realtà esseri umani, soprattutto a causa della quantità di denaro che guadagnano e del fatto che hanno il lavoro dei sogni. Ma nessuna somma di denaro può consolarti nei momenti di lotta, specialmente quando le persone vicine a te soffrono.

 
 

Tempo di Lettura: 6 minuti

 

Ultime dalla Piazzetta

Minuto di silenzio per Maradona: “Non lo si tiene per le vittime, meno per uno stupratore”

Un giocatore su 3 ammette che perdere a FIFA gli rovina la giornata

La World Rugby rivede le linee guida sui Transgender: “la sicurezza e l’equità non possono attualmente essere garantite per le donne”

I numeri di Pjanic della scorsa partita di Champions

LND: concessione streaming sui social delle squadre per campionati Femminili e Regionali

Pallavolo: stilato il protocollo per il ritorno della Serie A

Loading...