europa league

Oggi scendono in campo per la prima di Europa League, quattro italiane: Torino, Inter (entrambe alle 19.00), Fiorentina e Napoli (alle 21.05) che giocheranno rispettivamente contro Bruges, Dnipro, Guingamp e Sparta Praga.

Calciomercato.it  ha fatto una disamina perfetta delle avversarie delle italiane nella “minima” competizione europea:

BRUGES – Una delle prime squadre del Belgio. Classificatosi secondo al termine dello scorso campionato, ha dovuto esordire in Europa League nel penultimo turno preliminare contro ilBrondby, battuto in entrambe le gare (3-0, 2-0). In seguito ha affrontato gli svizzeri delGrasshoppers ed eliminati sempre con una doppia vittoria (2-1 in trasferta e 1-0 in casa). In campionato non ha iniziato benissimo ed è ora reduce da due pareggi consecutivi. Il bilancio delle italiane in casa del Bruges è andato migliorando negli anni, considerando che tra il ’75 e il ’78, RomaMilan Juventus persero in territorio belga. Dopo quel periodo arrivarono quattro vittorie al Jan Breydel Stadion.
Il cileno Nicolas Castillo è l’elemento di maggior valore e anche di miglior prospettiva, ma è in forte dubbio.

DNIPRO – Dopo aver incontrato Napoli Fiorentina nelle due passate edizioni, quest’anno tocca all’Inter. Si gioca a Kiev ed è chiaro che l’ambiente non sarà propriamente uguale a quello che si respira solitamente a Dnipropetrovsk. In generale, nelle partite disputate in terra ucraina contro squadre italiane, il Dnipro ha un bilancio di totale equilibrio (1 vittoria, 1 pareggio e 1 sconfitta). L’anno scorso ha chiuso al secondo posto e anche quest’annata sembra procedere in questo modo. Benché il campionato sia solo alla sesta giornata, ilDnipro ha un ritardo di soli due punti dallo Shakhtar primo e un vantaggio di altre due lunghezze sulla Dinamo Kiev, terza. Attenzione alle scorribande di Bruno Gama, reduce da una tripletta nel 5-2 rifilato al Metalist. Tra gli elementi più interessanti ci sono anche l’ucraino Konoplyanka e gli attaccanti Seleznev Kalinic.

GUINGAMP – E’ un grande successo per il Guingamp essere tornato in una competizione europea. Il punto più alto resta la conquista della Coppa Intertoto nella stagione 1996-97 che poi ha permesso ai transalpini di giocare la Coppa Uefa, venendo eliminati al primo turno dall’Inter. I nerazzurri, in quell’occasione, vinsero 3-0 in Francia e pareggiarono 1-1 allo stadio Meazza. Questo resta tra l’altro l’unico precedente del Guingamp con una squadra italiana. Ai gironi, il club transalpinonon è arrivato tuttavia attraverso turni preliminari, bensì vincendo la coppa di lega francese, battendo il Rennes nella finale secca. La strada parte dunque da Firenze. Una bella vetrina per i tanti giovani che stanno crescendo sotto la guida di Jocelyn Gourvennec, in carica dal 2010. Nonostante motivazioni ed entusiasmo, ilGuingamp resta una squadra abbordabile: l’anno scorso si è salvato per soli due punti e quest’anno l’andazzo sembra essere lo stesso. Da segnalare i nuovi acquisti SylvainMarveaux e Sambou Yatabaré, giunti rispettivamente da Newcastle Olympiacos.

SPARTA PRAGA – E’ certamente la squadra di maggior blasone nel lotto odierno. Negli ultimi anni ha dovuto arrendersi alla crescita esponenziale del Viktoria Plzen. Tuttavia la squadra della capitale ceca rimane ancora una formazione da affrontare con le dovute cautele. Seconda in campionato, è uscita prematuramente dalla Champions League: dopo aver battuto il Malmoe in casa (4-2), lo Sparta è stato sconfitto 2-0 in Svezia. Ha saputo comunque eliminare gli olandesi del PEC Zwolle nell’ultimo turno preliminare di Europa League e così facendo si è guadagnato il titolo di accesso a questa fase a gironi. In campionato è reduce da due vittorie e un pareggio. David Lafata ha già all’attivo tre gol in sette partite. Due invece le ex conoscenze del campionato di Serie A come Manuel Pamic(ex Siena) e Kamil Vacek, in passato al Chievo. Lo Sparta Praga non ha mai vinto in Italia: fino a oggi sono otto le partite disputate nel Belpaese, in cui ha ottenuto solo 3 pareggi e 5 sconfitte.

Fonte: Calciomercato.it

Ti potrebbe interessare

Tyson Fury tornerà sul ring dopo lo stop per doping…

Asier de la Iglesia, il primo professionista spagnolo con sclerosi multipla

Cliftonville, testa bassa durante l’inno inglese in finale di Coppa Irlandese

Barcellona: le 8 sconfitte scottanti al Camp Nou

Zola e le gare di punizioni con Maradona a Napoli…

Champions League: qual è la squadra con più finali?