allenamento calcio
 

Tempo di Lettura: 6 minuti

È successo tutto molto in fretta.” Ana López ricorda, si sforza intensamente, ma non ricorda chi fosse il suo angelo custode. “Mi vergogno perché non so chi sia“, dice. Aspetta sul campo dove giorni fa ha dovuto vivere una “esperienza difficile“. Tiene gli occhi fissi, direttamente alla porta d’ingresso. Il pomeriggio sta per finire al complesso sportivo di La Toba (Llaranes) dove i bambini arrivano e partono continuamente, «Non ne sono sicura, ma penso sia lui. La sua faccia mi suona “, dice ed ha ragione.

Un padre e un bambino escono dalla macchina. Camminano insieme incollati al recinto. È in quel momento che gli sguardi di Diego Pablo (il bambino eroe) e Ana coincidono per la prima volta. “Sei un esempio per la società“, l’arbitro lo elogia mentre allunga la mano. Rispondi contemplativo. “È molto timido“, afferma Federico (suo padre).

Il quotidiano spagnolo El Comercio ha riunito Ana López e Diego Pablo Hernández. All’arbitro diciannovenne di Madrid che sabato ha diretto l’incontro tra lo Avilés Stadium e il Deportivo Valdés, ricevendo insulti da un settore di tribune, con il portiere, “per caso” (gioca come attaccante), che con undici anni si è ribellato contro “un’ingiustizia“.

Non capisco cosa succede nello sport. Non so perché la gente si metta così di fronte a noi, che siamo ragazzini“, afferma. “Non è la prima volta che sento qualcosa del genere. In un’altra occasione ho sentito che il calcio era solo per uomini e che non potevano esserci arbitri. Non dovrebbe essere così“, spiega il piccolo calciatore.

Era sabato mattina (8 febbraio nda) quando lo Avilés Stadium ha ricevuto il Deportivo Valdés, leader del gruppo C de la tercera Alevín asturiana nel complesso sportivo di La Toba. “C’erano parecchie persone sugli spalti“, ricordano. I gol dei visitatori erano rapidi. In tribuna una parte del pubblico (principalmente padri e madri) inizia a diventare impaziente. Ana López, che era alla sua terza partita da arbitro, concentra tutte le frustrazioni.

Le urla, le proteste e le imprecazioni iniziarono. “Purtroppo queste situazioni non sono nuove e si ripetono sia a casa che sui campi di calcio“, afferma. Una voce, particolarmente disturbata, si insinua nella testa di Ana. “Mi sono un po’ innervosita per la tensione del momento“, ricorda. La vittima della situazione, colpita, non può trattenere le lacrime. Gli allenatori dello Stadium cercano di rassicurarla. “Va bene, stai andando bene“, dicono. In quel momento, con l’arbitro di schiena, la situazione dà un “cambiamento radicale“. Diego Pablo, il portiere della squadra di casa, si rivolge alle tribune. Ci sono ancora alcune voci che protestano. Ana è ancora nervosa, colpita. “State zitti e lasciate subito l’arbitro in pace“, grida arrabbiato. “Non vedete che sta piangendo?” Aggiunge. “Stop, stop.”

«Non so molto bene cosa sia successo … Non stavo guardando. Ma non ho sentito una protesta, non un grido “, ricorda.

Il primo tempo non è ancora terminato, viene lasciato avanti, ma nel Complesso sportivo di La Toba non si sente “nient’altro” contro l’arbitro. Ora tutto è supporto.

Stai andando bene, dai” gridano. La partita si conclude. Diego Pablo ha subito dodici gol. “Questo è il minimo“, dicono. Senza saperlo, ha fermato però un tiro molto più importante. “Grazie mille per tutto“, dice Ana. “Mi dispiaceva solo che tu piangessi e penso che la situazione sia stata ingiusta. Sono i genitori che devono trasmettere altri valori “, risponde quasi senza guardare.

Nonostante l’età, c’è solo da imparare.

 
 

Tempo di Lettura: 6 minuti

 

Ultime dalla Piazzetta

La più grande farsa della storia del calcio

Com’è nata la rovesciata?

I peggiori giocatori di sempre de La Liga spagnola

I peggiori acquisti del PSG di Al-Khelaifi

I 10 calciatori asiatici più costosi nel 2020

I 10 giocatori che hanno vinto Champions League e Copa Libertadores

Loading...