Serie A

Serie A al Top

Nulla di nuovo ai vertici della serie A. La Juve vince soffrendo a casa Samp, il Napoli sbanca Empoli, la Roma chiude la giornata regolando all’Olimpico il Sassuolo e si riprende quindi immediatamente la piazza d’onore.

E’ una vittoria un po’ così però quella dei giallorossi perchè sembra giunto già all’epilogo la seconda avventura di Spalletti nella capitale e dunque un progetto che si interrompe ancora nonostante buoni risultati, tutto sommato.

Il Napoli invece, vincente all’ora di pranzo, non ha usato mezze parole tramite Sarri nell’indicare la valenza della sfida di quell’ora: “mi fa schifo!”.

Eloquente come pochi, ma esplicitante il pensiero di molti, tanti appassionati di calcio che a quell’ora preferiscono fare altre cose, come ad esempio consumare il pranzo domenicale, culto italiano difficile da mettere all’angolino.

Anche la Juve, come dicevamo, ha vinto, ma Allegri ha subito sfruttato la prestazione un po’ soft per ricordare ai bianconeri  che il Barcellona sarà tutta un’altra cosa e che occorrerà ben altro spirito per avere la meglio di Messi e soci. Peraltro a tenere alta la tensione ci si è messo ora l’infortunio muscolare di Dybala; in casa Juve si sono affrettati a sottolineare che non è nulla di grave ma il popolo della Signora è comunque preoccupato e chi non lo sarebbe?

Scendiamo appena più in basso in classifica per verificare che sia Lazio che Inter hanno battuto il passo allontanandosi dalla agognata zona Champions.

Ben più giustificabile il pari neroazzurro impegnato contro un Toro che sa sempre come segnare e meno come evitare di prendere gol, rispetto al pari senza reti dei biancocelesti contro il Cagliari…

Il distacco ha subito un incremento e pur avendo ancora entrambe chance per entrare nella Coppa che conta, le speranze sono drasticamente diminuite pur essendoci all’orizzonte scontri diretti che potrebbero mutare gli scenari.

Risale invece l’Atalanta che maramaldeggia contro il povero Pescara e così anche il Milan che ringrazia Mati Fernandez per il gol con il quale ha piegato un dignitoso Genoa.

Poco da dire in coda, le tre ‘pretendenti’ alla Serie B proseguono la loro collezione di sconfitte pesanti, mentre è da sottolineare la performance del Bologna che schianta in maniera inattesa (perlomeno nel punteggio) il Chievo, peraltro anche passato in vantaggio: quattro gol in trenta minuti per i felsinei, tre volte in rete quando non c’era Destro, che invece dovrebbe essere l’uomo di spicco della Donadoni-band.

Ti potrebbe interessare

Il calcio e il difetto dell’età

Russia 2018: tutti i record di questa edizione

Champions League: chi sono i giocatori applauditi dalle tifoserie avversarie?

Chi sono i migliori giocatori di sempre ai Mondiali?

Justin Kluivert è vicino alla Roma

Tyson Fury tornerà sul ring dopo lo stop per doping…