inter
 

 Chi è Astrid: il calcio, l’età e la squadra del cuore

Il suo nome è Astrid Ericsson, una svedese classe ’94 che vive a Milano, il cui mestiere attuale è fotomodella ma nel tempo libero si diletta a giocare (in patria lo faceva addirittura con la squadra femminile dell’Hammarby DIF) e tifare calcio. Tifosissima di una squadra italiana, cosa che ci ha rivelato su Instagram (vedi i commenti del post qui in basso), della più pazza dello stivale: l’Inter.

Si è laureata alla Chalmers University of Technology nel 2015 con una laurea in ingegneria, ha una sorella minore di nome Louise e parla fluentemente italiano, spagnolo, inglese ed ovviamente svedese. Per fare un po’ di gossip, non diciamo che sia il suo fidanzato, ma molti la “associano” all’influencer Alex Belli.

Oggi, a onor del vero gioca a footvolley e spesso è in giro per l’Europa grazie al suo lavoro e alle sue doti di calciatrice, soprattutto d’estate. Nell’estate 2017 ha fatto letteralmente sia impazzire gli spagnoli, a Cadice, che gli italiani, quelli del litorale romagnolo, Cervia, dove insieme ai ragazzi di Chiamarsi Bomber ha partecipato alla Bobo Summer Cup.

 

Instagram sta già impazzendo per lei!

Guardando uno dei tanti video che Astrid Ericsson ha sul suo profilo instagram, che conta quasi 200mila followers, ci si può rendere conto delle sue doti tecniche.

Ma è andando sul suo sito personale – http://www.astridericsson.com/ – che abbiamo scovato di più, alcuni suoi video dedicati totalmente al calcio e postati su Flickr.

Un vero asso del calcio, che però in questi video mostra alcuni limiti di “freestyler”. Data l’età, siamo sicuri che non tarderà molto in acquisire doti da funambolo.

Oggi Astrid fa da madrina alla squadra per cui fa il tifo, la sua pazza Inter ed in questa stagione ha accompagnato la squadra nella varie città europee nelle quali ha giocato. Qui il video di presentazione.

 

Ultime dalla Piazzetta

Stadi di Subbuteo, tra gioco e modellismo

MMA, la classifica dei fighter dal migliore al peggiore

Perché Messi cammina i primi minuti di partita?

Dybala: “Giocare con CR7 e Messi è un vantaggio per me, posso studiarli ogni giorno”

David Villa: “Ho avuto fortuna, sono stato felice!”

Presidente FIGC femminile: “Le pari opportunità nel 2020 sono dovute”

Loading...

Commenti

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *